PECHINO I RESIDENTI DEVONO SUPERARE IL TEST DI RICONOSCIMENTO FACCIALE PER NAVIGARE SU INTERNET

PECHINO I RESIDENTI DEVONO SUPERARE IL TEST DI RICONOSCIMENTO FACCIALE PER NAVIGARE SU INTERNET

Il regime cinese ha annunciato una nuova norma che impone ai residenti di sottoporsi ad un test di riconoscimento facciale per richiedere una connessione Internet tramite smartphone o computer.

La regola verrà attuata dal 1 ° dicembre 2019. Inoltre, nessun telefono cellulare o numero di rete fissa può essere trasferito a un’altra persona privatamente.

Questa norma altro non è che un’ulteriore restrizione ad una regola emanata nel 2015 quando il Ministero dell’Industria e dell’Information Technology (MIIT) cinese ha richiesto a tutti i cittadini di presentare un documento d’identità valido e informazioni personali per registrarsi sia nel momento dell’acquisto di un telefono cellulare che per la richiesta di un numero di rete fissa.

 Nuova regola

Il MIIT ha reso pubblica la nuova regola sul suo sito Web ufficiale e l’ha fatta pervenire a tutti i gestori di telecomunicazioni il 27 settembre, includendo tre richieste principali:

in primo luogo, dal 1 ° dicembre tutti i gestori di telecomunicazioni devono utilizzare il riconoscimento facciale per verificare se un utente che richiede una connessione a Internet è il proprietario effettivo dell’ID utilizzato. Allo stesso tempo, i gestori devono verificare che l’ID sia autentico e valido.

In secondo luogo, entro la fine di novembre 2019 tutti i gestori di telecomunicazioni devono aggiornare i termini e le condizioni del loro servizio e informare tutti i loro clienti che non sono autorizzati a trasferire o rivendere la propria scheda SIM del telefono cellulare a un’altra persona.

In terzo luogo, sempre dal 1 ° dicembre i gestori di telecomunicazioni dovrebbero aiutare i loro clienti a verificare se ci sono numeri di telefono cellulare o di rete fissa che non appartengono a loro pur essendo registrati sotto il loro nome. Per i numeri non identificati, i gestori di telecomunicazioni devono indagare e chiudere immediatamente le linee.

Il MIIT ha dichiarato nell’avviso che nominerà dei supervisori e organizzerà ispezioni per assicurarsi che tutti seguano rigorosamente la regola.

Scopo

Il motivo per cui il regime cinese chiede alle persone di registrare le loro reali identità per navigare in Internet è perché NE VUOLE CONTROLLARE LE ATTIVITÀ”, ha dichiarato il reporter statunitense Tang Jingyuan a The Epoch Times il 27 settembre.

Le autorità hanno arrestato centinaia di cinesi negli ultimi anni perché hanno pubblicato argomenti che il regime ha ritenuto sensibili, tra cui le più recenti proteste di Hong Kong.

“La nuova regola del MIIT sull’uso del riconoscimento facciale per identificare un utente Internet implica che il governo può facilmente tracciare le attività online, compresi i post sui social media e i siti Web visitati”, ha dichiarato Tang.

“Quindi queste persone hanno paura di condividere le loro opinioni reali online perché i loro commenti potrebbero far arrabbiare le autorità e potrebbero essere arrestati”.

Tang ha concluso: “Penso che la nuova regola del MIIT tolga completamente la libertà di parola al popolo cinese”. 

Riconoscimento facciale in Cina

Il regime cinese sta utilizzando sistemi di riconoscimento facciale per monitorare le persone da diversi anni.

In città e spazi pubblici come stazioni ferroviarie, aeroporti, edifici governativi e ingressi di musei, la polizia usa gli occhiali intelligenti per controllare l’identità di ogni passante e se ha precedenti penali.

Per le strade, milioni di telecamere di sorveglianza catturano e tracciano i movimenti delle persone. Sui marciapiedi, i sistemi di riconoscimento facciale registrano i “pedoni distratti”, che vengono poi multati di 20 yuan ($ 2,81) e gli vengono decurtati punti sul loro punteggio di credito sociale. Il sistema di credito sociale del regime cinese assegna a ciascun cittadino un punteggio di “attendibilità” sociale.

Una persona con un punteggio di credito sociale basso può non essere autorizzata a salire su un treno o in aereo, oppure i suoi figli non possono essere ammessi in una scuola rispettabile.

All’interno delle aule, la tecnologia di riconoscimento facciale monitora ogni studente e riferisce le loro azioni all’insegnante e ai genitori.

Anche all’interno dei bagni pubblici, i turisti e i residenti devono utilizzare il sistema di riconoscimento facciale per ottenere la carta igienica.

Il regime cinese spera di installare abbastanza telecamere di sorveglianza per coprire l’intero paese.

Secondo l’ultimo rapporto della società di ricerche di mercato statunitense IDC, la Cina ha speso $ 10,6 miliardi in apparecchiature di videosorveglianza nel 2018 e la spesa raggiungerà $ 20,1 miliardi nel 2023. Il 64,3% della spesa nel 2018 rappresentava telecamere di sorveglianza.

IDC prevede che entro il 30 gennaio 2022 la Cina potrebbe aver installato 2,76 miliardi di telecamere di sorveglianza.

 

Tratto da: harbingersdaily.com
Comments are closed.
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box