Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Browsed by
Categoria: PORTE APERTE

PORTE APERTE “ERITREA: ALTRI 150 ARRESTI DA GIUGNO A OGGI”

PORTE APERTE “ERITREA: ALTRI 150 ARRESTI DA GIUGNO A OGGI”

NELLA FOTO: Chiesa Evangelica Luterana della città di Asmara, capitale dell’Eritrea.   Una vera e propria repressione del cristianesimo è in atto in Eritrea. Dopo la serie di fermi avvenuti a maggio (leggi qui la notizia) una nuova ondata di arresti è stata registrata a partire dal mese di giugno ad Asmara, capitale del Paese, e a Keren, città a 90 km a nord-ovest dalla capitale. Fonti locali riportano che almeno 150 persone siano state incarcerate e che i cristiani di…

Read More Read More

PORTE APERTE “COREA DEL NORD: LE CONVERSIONI NON SONO TERMINATE”

PORTE APERTE “COREA DEL NORD: LE CONVERSIONI NON SONO TERMINATE”

NELLA FOTO: Min-soo, cristiano nordcoreano convertitosi in una casa rifugio di Porte Aperte/Open Doors.   In Corea del Nord possedere una Bibbia è vietato, nonostante questo i nordcoreani continuano a convertirsi a Gesù. Durante una fuga dalla Corea del Nord alla Cina, mentre si trovava in una casa rifugio di Porte Aperte/Open Doors, Min-soo* ha conosciuto Cristo e si è convertito a Lui.Dall’incredulità alla fedeI primi passi con la Bibbia sono stati difficili per Min-soo: “è piena di falsità”, diceva, “come può Dio aver…

Read More Read More

PORTE APERTE “INDIA: PICCHIATI E COSTRETTI A LASCIARE IL VILLAGGIO”

PORTE APERTE “INDIA: PICCHIATI E COSTRETTI A LASCIARE IL VILLAGGIO”

Pur non menzionando i luoghi degli eventi per ragioni di sicurezza, vogliamo riportarvi quanto accaduto recentemente ad alcune famiglie cristiane in India, costrette a fuggire dal proprio villaggio a causa delle botte ricevute per la loro fede in Gesù. Oggi hanno trovato rifugio in aree circostanti e ricevono aiuti attraverso i partner locali di Porte Aperte/Open Doors.   L’attacco Era domenica e il pastore Bishu* stava raggiungendo una piccola comunità cristiana nei pressi del suo villaggio natale. Quando era quasi…

Read More Read More

PORTE APERTE “INDONESIA: CHIUSE 2 CHIESE A LUGLIO”

PORTE APERTE “INDONESIA: CHIUSE 2 CHIESE A LUGLIO”

Nel giro di un mese, le autorità indonesiane hanno chiuso 2 chiese. I leader cristiani locali invitano il governo a non cedere alle pressionidei gruppi musulmani radicali.  L’agenzia di stampa UCANews ha riportato che, il 26 luglio scorso, il capo del distretto di Bantul, nella provincia di Yogyakarta, ha revocato il permesso di riunirsi liberamente ad una chiesa pentecostale poiché utilizzava una casa come locale di culto. Le ragioni di tale revoca non avrebbero però ragion d’essere in quanto la…

Read More Read More

PORTE APERTE “NIGERIA: 10 ANNI DI BOKO HARAM”

PORTE APERTE “NIGERIA: 10 ANNI DI BOKO HARAM”

NELLA FOTO: Pastore Sale davanti alla chiesa, distrutta da Boko Haram nel nord-est della Nigeria. 26 luglio 2009 – Uno scontro armato tra i seguaci del predicatore musulmano Muhammed Yusuf e le forze di sicurezza di Maiduguri, capitale dello stato di Borno, in Nigeria, ha causato la morte di circa 750 militanti di Boko Haram, tra cui lo stesso Yusuf. Da quel momento c’è stata un’escalation di violenza. La morte di Yusuf è stata considerata una specie di martirio per la…

Read More Read More

PORTE APERTE “BANGLADESH: INONDAZIONI, FRANE E PERICOLO EPIDEMIE”

PORTE APERTE “BANGLADESH: INONDAZIONI, FRANE E PERICOLO EPIDEMIE”

È stagione dei Monsoni in Bangladesh, periodo in cui, a causa dei forti venti, inondazioni, frane e piogge incessanti si abbattono sul paese. Quest’anno sono già diverse le segnalazioni di catastrofi naturali. Le forti precipitazioni delle ultime settimane hanno portato a massicce inondazioni nelle zone basse dei distretti settentrionali e orientali del Bangladesh. Scuole chiuse, strade e ponti danneggiati e grossi problemi di comunicazione stanno mettendo in ginocchio la popolazione. Ad oggi vi è il reale pericolo di epidemie a…

Read More Read More

PORTE APERTE “LA PERSECUZIONE NON VA IN VACANZA COSA ACCADRÀ SE NON INTERVENIAMO?”

PORTE APERTE “LA PERSECUZIONE NON VA IN VACANZA COSA ACCADRÀ SE NON INTERVENIAMO?”

Ti stai preparando per le tanto attese vacanze estive? Ebbene vorrei raccontarti la storia di Kundan* e di come con coraggio abbia servito il Signore in India. Kundan era un uomo grande e buono, amava Gesù, distribuiva Bibbie e trattati evangelistici, discepolando i nuovi credenti e aiutando i cristiani più poveri. In molti si convertivano, ed è stato a causa di questo che un gruppo di radicali della zona è andato a prenderlo. “Erano le 4 del mattino“, ci ha…

Read More Read More

PORTE APERTE – REGNO UNITO: “È TEMPO DI FARE I CONTI CON LA REALTÀ, CIÒ CHE ACCADE IN IRAQ È PULIZIA ETNICA”

PORTE APERTE – REGNO UNITO: “È TEMPO DI FARE I CONTI CON LA REALTÀ, CIÒ CHE ACCADE IN IRAQ È PULIZIA ETNICA”

Quello che i cristiani iracheni desiderano si racconti è la semplice verità: “Una pulizia etnica dei cristiani è in corso in Iraq”. Lo ha affermato Tim Stanley, storico e giornalista del quotidiano britannico The Telegraph, durante l’incontro svoltosi lo scorso martedì 9 luglio al Parlamento britannico intitolato “The Global Persecution of Christian Minorities”. Da quando lo Stato Islamico è stato espulso dalla regione, gli sfollati (e profughi) iracheni stanno lentamente rientrando nelle loro comunità ma continuano a vivere nella paura…

Read More Read More

PORTE APERTE “NEPAL: LA SITUAZIONE DEI CRISTIANI PEGGIORA MA LA CHIESA CRESCE”

PORTE APERTE “NEPAL: LA SITUAZIONE DEI CRISTIANI PEGGIORA MA LA CHIESA CRESCE”

La condizione dei cristiani nepalesi sta registrando un notevole peggioramento. I cristiani del Nepal infatti, affrontano una crescente persecuzione da parte di gruppi radicali indù legati alla vicina India, oltrechè a motivo di una serie di leggi anti-conversione, adottate dal governo nel 2017 e che limitano la libertà religiosa. Partner locali di Porte Aperte/Open Doors hanno riportato diversi episodi di intolleranza avvenuti lo scorso giugno: “Vi chiediamo di pregare per il Nepal, se un cristiano condivide la sua fede ora…

Read More Read More

PORTE APERTE “EGITTO: IN PRIGIONE PER UN POST SU FACEBOOK”

PORTE APERTE “EGITTO: IN PRIGIONE PER UN POST SU FACEBOOK”

I cristiani egiziani affrontano difficoltà sempre maggiori a causa di un’intolleranza islamica crescente. Il responsabile di Porte Aperte/Open Doors per il Medio Oriente infatti, ha definito molto allarmanti gli attuali sviluppi in Egitto, che vedono l’utilizzo dei social media come strumento per screditare e perseguitare chi segue Gesù. Il fatto Nermin ha 20 anni e fatica a credere a ciò che gli è accaduto. Qualche settimana fa, mentre prendeva il tè con alcuni familiari nel villaggio di Ashnin El-Nasara, ha…

Read More Read More

AZERBAIGIAN: DOPO 25 ANNI DI RICHIESTE LA CHIESA RIMANE ILLEGALE

AZERBAIGIAN: DOPO 25 ANNI DI RICHIESTE LA CHIESA RIMANE ILLEGALE

Secondo quanto riportato dall’agenzia Forum 18, nel dicembre del 2016, il pastore Shabanov della Chiesa Battista di Aliabad, nel distretto di Zaqatala, a nord dell’Azerbaigian, ha ricevuto una multa di 1.500 manats, circa 850 dollari (che corrispondono a più di tre mesi del salario medio azero) per aver tenuto riunioni religiose senza che la chiesa fosse ufficialmente registrata. È infatti dal 1994 che tale comunità richiede senza successo il riconoscimento da parte dello Stato. Il pastore ha, nel corso degli anni,…

Read More Read More

PORTE APERTE “MALI: VILLAGGIO CRISTIANO ATTACCATO”

PORTE APERTE “MALI: VILLAGGIO CRISTIANO ATTACCATO”

Domenica 9 giugno, nel villaggio di Sobame Da, nella regione di Mopti, un gruppo di pastori Fulani (etnia nomade, pressoché totalmente islamica, dedita alla pastorizia e al commercio) ha attaccato i cristiani locali uccidendo diverse decine di persone. Diversi corpi sono stati ritrovati carbonizzati. Ufficialmente il bilancio è di 35 morti ma una fonte locale anonima ha contestato tale dato sostenendo che le vittime siano più di 100. Mentre rimaniamo in attesa di ricevere maggiori dettagli il presidente Ibrahim Boubacar…

Read More Read More

PORTE APERTE “Repubblica Democratica del Congo: nascita di un califfato islamico?”

PORTE APERTE “Repubblica Democratica del Congo: nascita di un califfato islamico?”

Le provincie Congolesi del Nord e Sud Kivu sono attualmente caratterizzate da episodi di brutale e sistematica violenza perpetuata ad opera di un gruppo miliziano islamista, denominato Forze Alleate Democratiche (ADF nell’acronimo inglese). Nei primi 5 mesi del 2019 gli attacchi contro i cristiani sono proseguiti senza sosta, causando una notevole sofferenza e nel mese di aprile il gruppo fondamentalista ha annunciato di aver stretto alleanza con lo Stato Islamico (ISIS), confermando in questa maniera quanto Porte Aperte/Open Doors aveva…

Read More Read More

PORTE APERTE “LAOS: PERSEGUITATI DA 8 ANNI”

PORTE APERTE “LAOS: PERSEGUITATI DA 8 ANNI”

Tou (pseudonimo) è un cristiano laotiano che da quasi un decennio subisce discriminazione e persecuzione a motivo della sua fede. “Non ho mai avuto pace nel mio villaggio”, ci ha detto,“le autorità e la comunità locali mi perseguitano perché si oppongono alla mia fede in Gesù”. È bastata una cerimonia funebre non buddista-animista, a seguito della morte di un cristiano della zona, per suscitare la rabbia della gente del villaggio in cui Tou e la sua famiglia vivono. Nonostante gli…

Read More Read More

PORTE APERTE “INDIA: L’INTOLLERANZA ANTI-CRISTIANA NON SI FERMA”

PORTE APERTE “INDIA: L’INTOLLERANZA ANTI-CRISTIANA NON SI FERMA”

NELLA FOTO: manifesto elettorale di Modi alle ultime elezioni nazionali.   Era l’11 febbraio scorso quando Anant, cristiano indiano di 40 anni, è stato prelevato dalla propria abitazione nel distretto di Nabarangapur, a Odisha. Tre uomini indù lo hanno rapito e poi ucciso lasciando il suo corpo decapitato in mezzo alla strada. Secondo quanto riportato da Persecution Relief, sin dai primi momenti della sua conversione dall’induismo al cristianesimo, avvenuta a metà del 2018, Anant e la sua famiglia avevano iniziato…

Read More Read More

Se sei interessato al contenuto scrivici saremo lieti di aiutarti, controlla prima che non ci sia il PDF a fine articolo.