Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Browsed by
Categoria: DONNE CRISTIANE

DA DONNA A DONNA “DONNE CRISTIANE NELLA REGIONE DEL GOLFO”

DA DONNA A DONNA “DONNE CRISTIANE NELLA REGIONE DEL GOLFO”

Le donne cristiane, specialmente nei paesi musulmani più radicali, desiderano avere comunione fraterna. “Stare insieme ci tiene collegate alla verità, ci incoraggia ad andare avanti e a confessare il nome di Gesù nel mondo non cristiano che ci circonda”. “È illegale condividere Gesù con i nostri vicini, ma se non lo facciamo… moriremo. Se siamo perseguitate, se perdiamo il lavoro, se veniamo espulse dal nostro Paese va bene. Ne sopporteremo le conseguenze. Ciò che ci sembra impossibile e soffocante è…

Read More Read More

LEAH SHARIBU È VIVA

LEAH SHARIBU È VIVA

Leah Sharibu è viva! Questo è quanto ha affermato il governo della Nigeria lo scorso fine settimana. L’assistente del Presidente Muhammadu Buhari, Garba Shehu, ha dichiarato che il governo è in contatto con l’ISWAP e non rinuncerà a Leah, continuando le trattative per il suo rilascio. Ringraziamo il Signore per questa notizia e chiediamo di continuare a pregare per il governo nigeriano, affinché abbia saggezza e perseveranza nella gestione del caso.   Leggi altre notizie su LEAH SHARIBU   Fonte:…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “NON DIMENTICHIAMOCI DI LEAH”

DA DONNA A DONNA “NON DIMENTICHIAMOCI DI LEAH”

Non dimentichiamoci di Leah, giovane ragazza nigeriana tenuta in ostaggio da Boko Haram perché non ha rinnegato Cristo! Leah era stata rapita nel febbraio 2018 dalla fazione ISWAP di Boko Haram, dal collegio di Dapchi, nello Stato di , in Nigeria, insieme ad altri 100 studenti. A seguito di un accordo tra il governo e i militanti, Boko Haram aveva rilasciato 104 ragazze trattenendo Leah, cristiana, a seguito del rifiuto di rinunciare alla propria fede. Il 28 agosto 2018 Leah,…

Read More Read More

DONNE CRISTIANE “VERONICA NIGERIA”

DONNE CRISTIANE “VERONICA NIGERIA”

Veronica è una sorella incredibile, sopravvissuta a due brutali attacchi dei pastori Fulani al suo villaggio, ora serve come cuoca in uno dei centri per la cura dei traumi di Porte Aperte/Open Doors in Nigeria.  

DA DONNA A DONNA “NON DIMENTICHIAMO ALVARO E TRINITY!”

DA DONNA A DONNA “NON DIMENTICHIAMO ALVARO E TRINITY!”

Alvaro e Trinity presto celebreranno il loro compleanno, rispettivamente il 19 e il 21 agosto. Dall’esplosione di Samarinda, nel novembre 2016, sono stati molti gli interventi chirurgici per la sostituzione della pelle danneggiata, ma per loro la strada verso la guarigione è ancora lunga. La mamma di Trinity, Sarina, ha confessato riuscire a fatica a sopportare il pensiero dei ricorrenti interventi, necessari a ripristinare la funzionalità delle mani e della gamba sinistra della figlia. Ringraziamo tutti coloro che in passato…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “VOLEVO SOLO ADORARE DIO”

DA DONNA A DONNA “VOLEVO SOLO ADORARE DIO”

Amore, nient’altro che amore, amore intenso e senza fine. Così è iniziato il cammino di Rachel* con Gesù, circa 10 anni fa in Iran. Passare da un profondo senso di vuoto alla realizzazione dell’amore di Cristo è stato travolgente per lei, tanto da non pensare alle conseguenze che sarebbero scaturite da quella scelta: la persecuzione e la prigione. “Volevo solo adorare Dio“, ha detto, “non importava nient’altro“. È stata sua sorella a portarla per la prima volta a un incontro…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “LINA”

DA DONNA A DONNA “LINA”

Siria – 11°posizione della World Watch List Per raccontarvi questa storia useremo gli pseudonimi Lina, Rasha e Rahaf, perché sapete quanto sia pericoloso per un musulmano diventare cristiano in Siria. Lina è originaria di Raqqa, città dove è cresciuta, si è sposata e ha dato al mondo le sue figlie. È stata la perdita del marito 12 anni fa, prima dello scoppio della guerra, a procurarle le prime difficoltà. Le aspettative nei confronti di una vedova nella società islamica siriana,…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “ESSERE DONNE CRISTIANE IN EGITTO”

DA DONNA A DONNA “ESSERE DONNE CRISTIANE IN EGITTO”

Sarà capitato a molti di andare in Egitto per vacanza o per lavoro, o di ammirare in foto le piramidi, simbolo di un’epoca maestosa. Davanti a una foto ricordo o mentre il telegiornale ci parla dell’Egitto pensiamo ai tanti cristiani presenti nel paese, trattati come cittadini di seconda classe. In modo particolare ricordiamoci delle donne cristiane che, nei luoghi di lavoro e nelle attività quotidiane, finiscono spesso vittime di ricatti e molestie sessuali. Pregate che con l’aiuto delle chiese locali…

Read More Read More

KIRTI, INDIA

KIRTI, INDIA

Kirti è una cristiana indiana minuta di statura ma gigante nella fede. Dopo la sua conversione le venne intimato di non andare in chiesa, altrimenti l’avrebbe pagata cara. Lei non si arrese, continuò a seguire Gesù. Una notte, un gruppo di persone con il volto coperto irruppe in casa sua rapendo il marito, anche lui cristiano, che morì successivamente a causa delle violenze ricevute e della privazione di cibo e acqua. “Ho affidato tutto nelle mani di Gesù”, ha detto…

Read More Read More

SAREE, INDIA

SAREE, INDIA

 Saree ha 12 anni e viene da una zona rurale dell’India. È alta per la sua età, magra e ha un bel sorriso che mostra troppo poco. Spesso strizza gli occhi, il che dà al suo viso uno sguardo scuro, come se portasse con sé un carico pesante. Qualche mese prima che la incontrassimo i suoi genitori l’hanno costretta a scegliere tra Gesù e la sua famiglia, una decisione troppo grande per una ragazzina di quell’età. Alla fine suo padre…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “AMIRA DONNA MUSULMANA”

DA DONNA A DONNA “AMIRA DONNA MUSULMANA”

Amira* è una ragazza musulmana che, per motivi di lavoro, un giorno si è trasferita da un piccolo villaggio a nord del Kirghizistan alla città. Lì ha incontrato dei cristiani che le hanno parlato di Gesù e dell’importanza della chiesa locale. Nonostante la distanza, i genitori ne sono venuti a conoscenza, per questo, con la scusa di tornare a fare visita alla famiglia, l’hanno convinta a rientrare al villaggio. Al suo arrivo è stata rinchiusa, picchiata e indotta a tornare…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “UN GIORNO NELLA VITA DI MEHREEN”

DA DONNA A DONNA “UN GIORNO NELLA VITA DI MEHREEN”

…dopo una lunga ma entusiasmante giornata, Mehreen torna a casa. È tardi e sua figlia probabilmente già dorme.   Mehreen porta la figlia nel letto, la guarda e prega per lei prima di lasciarla. La maggior parte dei giorni non sono così lunghi e Mehreen è in grado di ridere e giocare con la sua piccola. Ma oggi, a causa della pioggia pressante, ci è voluto molto tempo per rientrare a casa.   Mehreen scende di sotto, si riposa e…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “UN GIORNO NELLA VITA DI MEHREEN”

DA DONNA A DONNA “UN GIORNO NELLA VITA DI MEHREEN”

(2 parte) …dopo aver accompagnato la figlia dalla nonna, Mehreen si dirige al lavoro. Vive in una zona conservatrice della città, quindi preferisce indossare un foulard in modo tradizionale. In questo modo evita problemi mentre aspetta che l’autobus di ALIVE passi a prenderla…  …Mehreen sale sull’autobus che viene ogni mattina per portare lei e un piccolo gruppo di ragazze a lavorare in sicurezza. Ci sono stati molti casi in questa città di ragazze cristiane costrette a convertirsi. I team di…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “UN GIORNO NELLA VITA DI MEHREEN”

DA DONNA A DONNA “UN GIORNO NELLA VITA DI MEHREEN”

(Parte 1) Mehreen prepara la colazione per la sua famiglia e il pranzo per il marito e la suocera prima di andare al lavoro. Mentre cucina, parla con Dio del giorno che la aspetta. Questi sono momenti speciali per Mehreen, mentre abbandona al Signore i suoi pensieri, i suoi piani e le sue preoccupazioni… …Mahreen sveglia la figlia per vestirla e farle fare la colazione.     Poi le da il pranzo al sacco prima di portarla dalla nonna paterna,…

Read More Read More

ASIA BIBI

ASIA BIBI

L’avvocato di Asia Bibi, Saif Ul Malook ha detto alla americana CNN che la donna è arrivata in Canada, dove vivono già da tempo i suoi cinque figli. Asia Bibi è riuscita a lasciare il Pakistan diretta in Canada, a distanza di mesi dalla definitiva conclusione della sua lunga battaglia giudiziaria. Ricordiamo che Asia fu accusata di blasfemia, e nel 2010 era stata condannata a morte. Il 31 ottobre 2018 è stata assolta dall’accusa di blasfemia dalla Corte suprema del…

Read More Read More

Se sei interessato al contenuto scrivici saremo lieti di aiutarti, controlla prima che non ci sia il PDF a fine articolo.