Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Browsed by
Tag: persecuzione

DA DONNA A DONNA “DONNE CRISTIANE NELLA REGIONE DEL GOLFO”

DA DONNA A DONNA “DONNE CRISTIANE NELLA REGIONE DEL GOLFO”

Le donne cristiane, specialmente nei paesi musulmani più radicali, desiderano avere comunione fraterna. “Stare insieme ci tiene collegate alla verità, ci incoraggia ad andare avanti e a confessare il nome di Gesù nel mondo non cristiano che ci circonda”. “È illegale condividere Gesù con i nostri vicini, ma se non lo facciamo… moriremo. Se siamo perseguitate, se perdiamo il lavoro, se veniamo espulse dal nostro Paese va bene. Ne sopporteremo le conseguenze. Ciò che ci sembra impossibile e soffocante è…

Read More Read More

PREGO PER I RIFUGIATI PERCHÉ ERO UNA DI LORO

PREGO PER I RIFUGIATI PERCHÉ ERO UNA DI LORO

(1 e 2 Parte) E Dio è stato fedele. Come “gettando tutte le preoccupazioni su di Lui” ha portato questa ragazza di etnia Karen dalla Birmania in America.   Ho camminato per nove giorni con le pantofole nella foresta più fitta.Mio padre trasportava tutto il cibo.Mia madre portava mio fratello di un anno.Gli altri miei fratelli più piccoli dovevano camminare da soli. Io ho trasportato tutte le pentole, alcune coperte e vestiti.Dopo sette giorni, raggiungemmo il fiume Tenasserim che attraversammo…

Read More Read More

PORTE APERTE “ERITREA: ALTRI 150 ARRESTI DA GIUGNO A OGGI”

PORTE APERTE “ERITREA: ALTRI 150 ARRESTI DA GIUGNO A OGGI”

NELLA FOTO: Chiesa Evangelica Luterana della città di Asmara, capitale dell’Eritrea.   Una vera e propria repressione del cristianesimo è in atto in Eritrea. Dopo la serie di fermi avvenuti a maggio (leggi qui la notizia) una nuova ondata di arresti è stata registrata a partire dal mese di giugno ad Asmara, capitale del Paese, e a Keren, città a 90 km a nord-ovest dalla capitale. Fonti locali riportano che almeno 150 persone siano state incarcerate e che i cristiani di…

Read More Read More

LEAH SHARIBU È VIVA

LEAH SHARIBU È VIVA

Leah Sharibu è viva! Questo è quanto ha affermato il governo della Nigeria lo scorso fine settimana. L’assistente del Presidente Muhammadu Buhari, Garba Shehu, ha dichiarato che il governo è in contatto con l’ISWAP e non rinuncerà a Leah, continuando le trattative per il suo rilascio. Ringraziamo il Signore per questa notizia e chiediamo di continuare a pregare per il governo nigeriano, affinché abbia saggezza e perseveranza nella gestione del caso.   Leggi altre notizie su LEAH SHARIBU   Fonte:…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “NON DIMENTICHIAMOCI DI LEAH”

DA DONNA A DONNA “NON DIMENTICHIAMOCI DI LEAH”

Non dimentichiamoci di Leah, giovane ragazza nigeriana tenuta in ostaggio da Boko Haram perché non ha rinnegato Cristo! Leah era stata rapita nel febbraio 2018 dalla fazione ISWAP di Boko Haram, dal collegio di Dapchi, nello Stato di , in Nigeria, insieme ad altri 100 studenti. A seguito di un accordo tra il governo e i militanti, Boko Haram aveva rilasciato 104 ragazze trattenendo Leah, cristiana, a seguito del rifiuto di rinunciare alla propria fede. Il 28 agosto 2018 Leah,…

Read More Read More

PORTE APERTE “INDIA: PICCHIATI E COSTRETTI A LASCIARE IL VILLAGGIO”

PORTE APERTE “INDIA: PICCHIATI E COSTRETTI A LASCIARE IL VILLAGGIO”

Pur non menzionando i luoghi degli eventi per ragioni di sicurezza, vogliamo riportarvi quanto accaduto recentemente ad alcune famiglie cristiane in India, costrette a fuggire dal proprio villaggio a causa delle botte ricevute per la loro fede in Gesù. Oggi hanno trovato rifugio in aree circostanti e ricevono aiuti attraverso i partner locali di Porte Aperte/Open Doors.   L’attacco Era domenica e il pastore Bishu* stava raggiungendo una piccola comunità cristiana nei pressi del suo villaggio natale. Quando era quasi…

Read More Read More

PORTE APERTE “INDONESIA: CHIUSE 2 CHIESE A LUGLIO”

PORTE APERTE “INDONESIA: CHIUSE 2 CHIESE A LUGLIO”

Nel giro di un mese, le autorità indonesiane hanno chiuso 2 chiese. I leader cristiani locali invitano il governo a non cedere alle pressionidei gruppi musulmani radicali.  L’agenzia di stampa UCANews ha riportato che, il 26 luglio scorso, il capo del distretto di Bantul, nella provincia di Yogyakarta, ha revocato il permesso di riunirsi liberamente ad una chiesa pentecostale poiché utilizzava una casa come locale di culto. Le ragioni di tale revoca non avrebbero però ragion d’essere in quanto la…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “NON DIMENTICHIAMO ALVARO E TRINITY!”

DA DONNA A DONNA “NON DIMENTICHIAMO ALVARO E TRINITY!”

Alvaro e Trinity presto celebreranno il loro compleanno, rispettivamente il 19 e il 21 agosto. Dall’esplosione di Samarinda, nel novembre 2016, sono stati molti gli interventi chirurgici per la sostituzione della pelle danneggiata, ma per loro la strada verso la guarigione è ancora lunga. La mamma di Trinity, Sarina, ha confessato riuscire a fatica a sopportare il pensiero dei ricorrenti interventi, necessari a ripristinare la funzionalità delle mani e della gamba sinistra della figlia. Ringraziamo tutti coloro che in passato…

Read More Read More

PORTE APERTE “NIGERIA: 10 ANNI DI BOKO HARAM”

PORTE APERTE “NIGERIA: 10 ANNI DI BOKO HARAM”

NELLA FOTO: Pastore Sale davanti alla chiesa, distrutta da Boko Haram nel nord-est della Nigeria. 26 luglio 2009 – Uno scontro armato tra i seguaci del predicatore musulmano Muhammed Yusuf e le forze di sicurezza di Maiduguri, capitale dello stato di Borno, in Nigeria, ha causato la morte di circa 750 militanti di Boko Haram, tra cui lo stesso Yusuf. Da quel momento c’è stata un’escalation di violenza. La morte di Yusuf è stata considerata una specie di martirio per la…

Read More Read More

PORTE APERTE “BANGLADESH: INONDAZIONI, FRANE E PERICOLO EPIDEMIE”

PORTE APERTE “BANGLADESH: INONDAZIONI, FRANE E PERICOLO EPIDEMIE”

È stagione dei Monsoni in Bangladesh, periodo in cui, a causa dei forti venti, inondazioni, frane e piogge incessanti si abbattono sul paese. Quest’anno sono già diverse le segnalazioni di catastrofi naturali. Le forti precipitazioni delle ultime settimane hanno portato a massicce inondazioni nelle zone basse dei distretti settentrionali e orientali del Bangladesh. Scuole chiuse, strade e ponti danneggiati e grossi problemi di comunicazione stanno mettendo in ginocchio la popolazione. Ad oggi vi è il reale pericolo di epidemie a…

Read More Read More

DA DONNA A DONNA “VOLEVO SOLO ADORARE DIO”

DA DONNA A DONNA “VOLEVO SOLO ADORARE DIO”

Amore, nient’altro che amore, amore intenso e senza fine. Così è iniziato il cammino di Rachel* con Gesù, circa 10 anni fa in Iran. Passare da un profondo senso di vuoto alla realizzazione dell’amore di Cristo è stato travolgente per lei, tanto da non pensare alle conseguenze che sarebbero scaturite da quella scelta: la persecuzione e la prigione. “Volevo solo adorare Dio“, ha detto, “non importava nient’altro“. È stata sua sorella a portarla per la prima volta a un incontro…

Read More Read More

VISITATO DA DIO IN SOGNO

VISITATO DA DIO IN SOGNO

 “Un uomo ascoltò dei programmi Cristiani alla radio per due anni, con il risultato che la sua intera famiglia si converte a Gesù”. Quando anche la sua sorella più anziana fu salvata, suo marito voleva divorziare da lei.  La notte prima che lei avrebbe dovuto lasciare la casa, un personaggio apparve al marito in un sogno, ordinandogli di lasciare in pace sua moglie e di permetterle di seguire le sue credenze. La mattina successiva, egli domandò perdono a sua moglie…

Read More Read More

PORTE APERTE – REGNO UNITO: “È TEMPO DI FARE I CONTI CON LA REALTÀ, CIÒ CHE ACCADE IN IRAQ È PULIZIA ETNICA”

PORTE APERTE – REGNO UNITO: “È TEMPO DI FARE I CONTI CON LA REALTÀ, CIÒ CHE ACCADE IN IRAQ È PULIZIA ETNICA”

Quello che i cristiani iracheni desiderano si racconti è la semplice verità: “Una pulizia etnica dei cristiani è in corso in Iraq”. Lo ha affermato Tim Stanley, storico e giornalista del quotidiano britannico The Telegraph, durante l’incontro svoltosi lo scorso martedì 9 luglio al Parlamento britannico intitolato “The Global Persecution of Christian Minorities”. Da quando lo Stato Islamico è stato espulso dalla regione, gli sfollati (e profughi) iracheni stanno lentamente rientrando nelle loro comunità ma continuano a vivere nella paura…

Read More Read More

Se sei interessato al contenuto scrivici saremo lieti di aiutarti, controlla prima che non ci sia il PDF a fine articolo.