“MISSIONARI IN COSTA AZZURRA”

“MISSIONARI IN COSTA AZZURRA”

Immagine: Katherine Kirchner

Una coppia missionaria condivide il profumo di Cristo nella capitale mondiale dei profumi.

Quando Nicole Derieux ha dato la sua vita a Cristo da adolescente, ha sempre immaginato di lasciare la sua casa scozzese per diventare una missionaria in qualche terra lontana.

Oggi, seduta sulla sua terrazza con vista sulla Costa Azzurra, Nicole sorride: “Questo non è proprio quello che avevo immaginato”, dice, “ma sono esattamente dove Dio vuole che io sia”.

Nicole e suo marito Vincent guidano un ministero chiamato Parfums de Vie (“profumo della vita” in francese) a Grasse, una pittoresca città francese conosciuta come la capitale mondiale dei profumi.

Situata a pochi chilometri dalla collina di Cannes, la regione attira miliardari, star del cinema e reali.

Ma dietro tutto lo sfarzo e il glamour ci sono lavoratori stranieri vulnerabili, la maggior parte del Nord Africa, che lottano per sopravvivere mentre svolgono lavori umili per i ricchi. Il ministerio dei Derieux è rivolto a quella popolazione.

Molti dei lavoratori parlano solo arabo, vivono con le loro famiglie in condizioni terribili e lottano per avere una vita dignitosa”, afferma Nicole. “Alcuni hanno un visto di lavoro, ma altri sono senza documenti e ciò li rende ancora più vulnerabili”.

Quando i Derieux si trasferirono per la prima volta nella regione, si chiesero: “Chi farebbe amicizia con Gesù?

Invece dei ricchi e famosi, cercarono quelli che sono in gran parte invisibili: gli operai che puliscono le camere d’albergo, trasportano la spazzatura e spazzano le strade. “Gesù trascorse la sua vita vivendo tra gli emarginati e i poveri”, dice Vincent, i cui nonni furono evangelizzati dai missionari americani che vennero in Francia dopo la seconda guerra mondiale.

Quando i Derieux iniziarono a conoscere meglio le vite dei lavoratori per lo più musulmani, avvertirono in particolare un grande bisogno tra i loro figli. “Sebbene frequentino le scuole francesi, vanno a casa da famiglie che spesso non parlano francese e vivono in condizioni che rendono molto difficile fare i compiti”, afferma Nicole. “I bambini spesso falliscono a scuola, perché non hanno un sistema di supporto”.

Le vacanze scolastiche e i fine settimana pongono un altro problema: i genitori devono andare al lavoro e lasciare i bambini incustoditi.

Nicole, un ex insegnante di francese, e Vincent, che è cresciuto a Orange, in Francia e che una volta ha prestato servizio nelle forze speciali francesi, hanno iniziato a offrire la loro casa come posto dove i bambini potevano fare i compiti.

Dopo un po’ hanno iniziato ad ospitare giornate di campeggio, dove i bambini potevano giocare in sicurezza e divertirsi all’aperto, invece di vagare per le strade o restare nei loro piccoli appartamenti. Il loro ministero è iniziato ufficialmente nel 2008.

Siamo sempre molto chiari con i genitori sul fatto che siamo cristiani e racconteremo ai bambini storie bibliche e offriremo loro libri sulla Bibbia. Diciamo loro che pregheremo di fronte ai loro figli”, afferma Nicole, che insieme a Vincent ha studiato l’arabo per comunicare efficacemente con i genitori dei bambini. “Ci sono alcune famiglie che sono a disagio con il nostro approccio, ma la maggior parte sono così grate per il modo in cui aiutiamo i loro figli”.

I Derieux pregano per ogni bambino del programma e sono attenti a condividere la propria fede senza proselitismo.

La loro testimonianza si è dimostrata efficace. Alcuni bambini, membri delle loro famiglie e tutor volontari hanno abbracciato una fede personale in Cristo.

All’inizio le persone erano sospettose, ma ci hanno osservato negli anni”, afferma Nicole. “Sanno chi siamo e osservano come viviamo la nostra fede. Non stiamo predicando, STIAMO VIVENDO IL VANGELO”.

Oggi il ministero è cresciuto così tanto che si è reso necessario affittare un garage di un ex meccanico che si trova a pochi passi dalla scuola. Quando escono da scuola ogni pomeriggio, bambini di tutte le età vengono direttamente nel garage, si siedono ai tavoli, scelgono i libri della biblioteca e incontrano i volontari che li aiutano a fare i compiti.

L’efficacia di tutoraggio e l’interesse personale nei confronti dei bambini è stata sorprendente. Narjes, figlia di genitori immigrati nordafricani, ha iniziato ad andare male a scuola durante le elementari a causa delle difficoltà familiari.

È entrata a far parte del programma Parfums de Vie otto anni fa e presto è diventata la migliore studentessa della sua classe. I suoi voti erano così buoni che si è qualificata per entrare in un collegio francese d’élite, dove continua a eccellere.

Narjes parla fluentemente inglese (oltre al francese e l’arabo) e ha messo gli occhi su un’università nel Regno Unito. Spera di studiare psicologia e neuroscienze in modo da poter aiutare i bambini e un giorno tornare a lavorare al Parfums de Vie.

I bambini guardano Narjes e alcuni degli studenti più grandi che eccellono e iniziano a immaginare un futuro migliore per loro”, afferma Nicole. “È meraviglioso vedere un bambino rendersi conto che il suo futuro può essere molto di più. E le loro famiglie ne sono così orgogliose .

La sfida più difficile, forse, è far sì che la gente del posto accetti il ​nostro ministerio.

I cittadini di Grasse hanno spesso sentimenti negativi nei confronti della comunità di immigrati e guardano i missionari cristiani con scetticismo.

Nondimeno, notano il buon lavoro di Parfums de Vie e rispettano il fatto che i Derieux affrontano questioni difficili e aiutano a risolvere i problemi tra i giovani.

In generale, i francesi sono molto sospettosi nei confronti della religione e soprattutto degli evangelici”, afferma Nicole. “Ma sanno che siamo cristiani e ci rispettano per il lavoro che facciamo. Alcuni si sono offerti volontari per aiutarci con i bambini e altri ci hanno supportato in altri modi.

Un contributo significativo è arrivato anche dal capo della famosa società francese di profumi, Molinard.

L’amministratore delegato della società, Celia LeRouge-Benard, è rimasta colpita dal lavoro dei Derieux a Grasse, dove ha sede la società, coprendo la maggior parte dei costi per lo sviluppo di due fragranze, “Toujours Espoir” (Spera sempre) e “Etoile Celeste” (Stella celeste). “I francesi sono per lo più chiusi al Vangelo, ma i profumi toccano i loro cuori e adorano che le fragranze aiutino una buona causa”, afferma Nicole.

I Derieux supportano il loro lavoro attraverso la vendita dei due profumi sia online che in alcuni punti vendita. “Abbiamo un donatore che è un uomo d’affari e ci ha sfidato a trovare modi alternativi per creare entrate, oltre a ricevere donazioni”, afferma Nicole.

Questo donatore ha concesso un prestito per aiutare la famiglia ad acquistare una villa antica, metà della quale viene utilizzata per affitti a breve termine. Le entrate derivanti dall’affitto (tra l’altro molto richiesto), che ha una piscina privata e una spettacolare vista del tramonto sul Mediterraneo, aiutano a coprire il costo della proprietà.

Il resto della casa, dove Nicole e Vincent vivono con la loro figlia, Etienne di 11 anni, funge da ostello informale per il loro ministero.

La cucina nutre abitualmente una dozzina o più di bambini che arrivano quando hanno fame, il soggiorno include letti a castello, dove vivono temporaneamente due ragazze adolescenti e altri letti stipati negli angoli spesso offrono un posto sicuro per donne e bambini.

A volte c’è violenza nelle famiglie. A volte un marito, che ha il visto di lavoro, se ne va e la sua famiglia viene lasciata senza alcun reddito”, spiega Nicole. “La nostra casa è sempre aperta a chi è nel bisogno”.

La casa che è spesso caotica, non compromette l’equilibrio familiare. “A scuola, Etienne, figlia unica, ha detto all’insegnante che ha cinque fratelli e sorelle”, ride Nicole. “Quando le ho chiesto perché lo avesse detto, mi ha spiegato che gli altri bambini che vivono con noi per lei sono davvero come fratelli e sorelle”.

I Derieux hanno in programma di far crescere il loro ministero. Sperano di acquistare (piuttosto che pagare l’affitto) il garage per convertirlo in un centro di apprendimento più efficace; espandere il business dei profumi in modo che le sue entrate possano sostenere più campi per bambini durante le vacanze scolastiche e possibilmente estendere il loro ministero ad altre comunità con bisogni simili.

Ma il loro ministero non si limita solo agli immigrati colpiti dalla povertà. Coinvolge anche gli atei e i francesi della comunità locale. “Desideriamo vivere il Vangelo aiutando non solo gli emarginati e i poveri ma anche quelli che sono “ricchi” e hanno scarso interesse per le cose spirituali”, afferma Nicole.

VIVERE IL VANGELO CAMBIA I CUORI”.

Tratto da: christianitytoday.com
Comments are closed.
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box