DONNE CRISTIANE “HANNO DATO TUTTO PER GESÙ: LA STORIA DI HANNELIE”

DONNE CRISTIANE “HANNO DATO TUTTO PER GESÙ: LA STORIA DI HANNELIE”

Le foto di famiglia di Hannelie sul tavolo

 

Hanno calcolato il costo. Sapevano che Cristo ne era degno, e volentieri misero le loro vite sulla breccia pagando il prezzo più alto.

Hannelie sapeva di un attacco dei talebani a Kabul quel giorno. Nulla, tuttavia, l’aveva preparata al loro vero obiettivo.

Mentre tornava a casa attraverso le strade strette e trafficate di Kabul il 29 novembre 2014, il suo autista ricevette una telefonata. Poté capire dalla sua espressione e dal modo in cui stava parlando che qualcosa di terribile era appena accaduto. Alla fine, le disse che c’era stato un attacco all’edificio in cui viveva e lavorava la sua famiglia.

Mentre si avvicinavano a casa, la polizia e i veicoli blindati bloccarono la strada, costringendola a uscire e raggiungere casa sua a piedi. Una folla si era radunata fuori dall’edificio, ma nessuno l’avrebbe lasciata entrare o le avrebbe detto cosa stava succedendo.

Un terribile silenzio era sospeso nell’aria e nulla sembrava muoversi. I soliti rumori della città erano svaniti. Mentre l’oscurità si avvicinava, Hannelie notò che non c’erano luci accese nel suo appartamento all’ultimo piano. Si è preoccupata e ha pregato in attesa di ricevere notizie della sua famiglia.

Alle 17:45, il silenzio fu interrotto dagli spari, seguito da una grande esplosione. I curiosi che si erano radunati in strada si sparpagliarono rapidamente alla ricerca di un riparo.

“Credo che quel boato sia avvenuto quando uno dei tre aggressori si è fatto esplodere nel corridoio dell’edificio”, ha ricordato Hannelie. “Ho iniziato a piangere. La polizia, preoccupata, mi ha scortata fino alla casa di un vicino all’angolo della strada, a due case da casa nostra”.

I suoni degli spari e altre esplosioni continuarono per l’ora successiva. Alla fine, la polizia afgana ha sparato una granata a propulsione a razzo (RPG) all’ultimo piano del complesso, nell’appartamento dove vivevano i Groenewald. La casa prese fuoco e bruciò fino alle 19:20 circa.

Hannelie era seduta al buio e fissava il bagliore del suo smartphone, cercando conforto dalla Parola di Dio sulla sua app della Bibbia tra messaggi e chiamate di persone care.

“Leggevo ripetutamente il Salmo 91 e speravo che la mia famiglia stesse bene”, ha detto. “In qualche modo, sapevo dal fragore delle esplosioni che sentivo che forse nessuno era vivo, ma la mia testa non voleva accettarlo”.

 

Rispondere alla chiamata

Prima di trasferirsi in Afghanistan nel 2003, Hannelie e suo marito Werner avevano discusso della possibilità di morire in un paese devastato dalla guerra. Considerarono i pericoli legati all’educazione dei loro due figli (Jean-Pierre allora aveva 5 anni, e Rodé 3), in una regione dominata dai talebani, sapendo che la loro vita avrebbe subito un drastico cambiamento rispetto alla vita che conducevano in Sudafrica. Tuttavia la chiamata di Dio era reale tanto quanto i pericoli che avrebbero dovuto affrontare, e sapevano che l’obbedienza a Lui contava più delle loro paure.

Werner e Hannelie conducevano una vita confortevole in Sudafrica. Werner era pastore di una chiesa e Hannelie era medico in un’unità traumatologica. Durante un viaggio in Pakistan 2002, suo marito ricevette una chiara chiamata a diventare le “mani e piedi di Cristo” nel vicino Afghanistan, che era stato recentemente identificato come sede di coloro che avevano pianificato gli attacchi dell’11 settembre 2001 agli Stati Uniti.

Dopo essere tornato in Sudafrica e aver condiviso la sua esperienza con Hannelie, le ha suggerito di recarsi in Afghanistan con un team di assistenza medica a breve termine. Sei mesi dopo, hanno visitato il Pakistan e l’Afghanistan per due settimane.

“A Peshawar (Pakistan), durante un culto domenicale clandestino che si svolgeva in una casa, abbiamo avuto esattamente la stessa esperienza”, ha ricordato Hannelie. “Abbiamo sentito il tocco dello Spirito Santo. È stata la prima volta nella mia vita che ho provato uno specifico tocco del Signore in questo modo. Ho iniziato a piangere e sapevo che l’Afghanistan e il Pakistan, oppure ovunque nel mondo mi chiamasse il Signore, quella doveva essere la mia casa”.

La coppia ha trascorso l’ultima settimana del loro viaggio a Kabul, prestando servizio presso cliniche mobili e lavorando in alcuni villaggi vicini. Hannelie ricorda vividamente la sua prima impressione della città. Dopo 25 anni di guerra, pochi edifici rimasero in piedi, le strade erano praticamente inesistenti coperte da montagne di macerie.

“Ricordo che quando sono tornata, ho pensato: “Questo paese è sporco, povero e brutto; non c’è davvero niente di bello tranne il deserto, le montagne e le valli”.

Sebbene consapevole dei pericoli della vita in Afghanistan, Hannelie disse che lei e Werner si fidavano di Dio e consideravano la loro partenza come un’avventura.

 

DIRE DI SI

“Dire al Signore è stata una scelta difficile a causa dei bambini e della loro istruzione. Sapevamo che ci sarebbero state molte sfide in tal senso lungo la strada.
Nell’aprile del 2003, siamo tornati in Afghanistan per trovare un posto dove vivere e organizzare ogni cosa”. Quattro mesi dopo, hanno lasciato indietro i loro amici e la famiglia in Sudafrica e si sono trasferiti in Afghanistan.

“I miei genitori e la nostra famiglia pensavano che fossimo totalmente pazzi: lasciare un paese come il Sudafrica e andare in Afghanistan! Una follia!”, ha ricordato Hannelie. “Credevano che il Signore non avrebbe mai chiamato una famiglia con due bambini piccoli per andare a servire in una regione come quella. Hanno davvero cercato di trattenerci in Sudafrica”.

Tuttavia, la certezza della loro chiamata li ha sostenuti durante tutto il trasloco. La loro chiesa sostenne la loro decisione e i Groenewald videro la provvidenza di Dio.

“Il Signore fu così fedele”, ha raccontato Hannelie. “Abbiamo raccolto i soldi e tutto ciò di cui avevamo bisogno sul campo in due mesi. Quella era solo la conferma da parte del Signore che Egli ci voleva lì”.

Hannelie stava anche sviluppando una relazione più profonda con Dio.

Il mio viaggio spirituale con il Signore è effettivamente iniziato dopo la nostra chiamata in Afghanistan”, ha detto. “Prima di andare in Afghanistan, ero più che altro una cristiana nominale. Conoscevo il Signore Gesù. ANDAVAMO SEMPRE IN CHIESA LA DOMENICA MATTINA; CERCAVO DI CONDURMI DA BUONA CRISTIANA, MA FINIVA LÌ.

 

Una vita stimolante

L’Afghanistan è stato uno shock culturale per i Groenewald. Trovavano difficile integrarsi con le persone e sentivano di essere costantemente sorvegliati da afgani dall’aria sospetta.

“In tutte le sfide che abbiamo affrontato, soprattutto per me, quella più difficile è stata cercare di far integrare i miei figli in un luogo dove non c’erano risorse ma dovevo fidarmi del Signore”, ha detto Hannelie.

La vita è stata particolarmente dura per la loro figlia, Rodé. Le ragazze in Afghanistan sono in gran parte costrette a casa, con poca libertà di muoversi. Hannelie, quindi, fece del suo meglio per rendere sopportabile la vita a Rodé. Lei e sua figlia facevano di tutto insieme, dalla cucina ai compiti, e Hannelie ha visto Rodé diventare una scrittrice di talento che sembrava apprezzare qualsiasi cosa legata all’arte.

Jean-Pierre, descritto da Hannelie come un “orsacchiotto, un ragazzino dal cuore tenero”, ha sempre voluto essere un pilota. Si esercitava con un simulatore di volo online e strinse amicizia con i piloti di altri gruppi di aiuto in Afghanistan, unendosi spesso a loro su voli nazionali. Sognava un giorno di studiare tecnologia aeronautica al Moody Bible Institute nello stato di Washington.

Werner svolgeva il lavoro in cui era stato chiamato con diligenza in Afghanistan. Nel corso degli anni, ha prestato servizio in varie organizzazioni umanitarie, fornendo formazione alla leadership, educazione allo sviluppo della comunità e corsi di lingua inglese.

“Quando Werner ricevette la sua chiamata, il Signore gli mostrò come la sua precedente esperienza di pastore in una chiesa potesse essere preziosa adesso che doveva “insegnare” agli afghani le vie del Signore”, ha detto Hannelie. “Per lui contava solamente essere sale e luce, ed è quello che ha cercato di fare. Anche nei seminari di addestramento alla leadership che ha tenuto, ha sempre cercato di seminare semi di verità e la Parola di Dio nelle vite degli afghani”.

Un “servizio impavido a Cristo” divenne un tema che Werner affrontava spesso. Nell’ottobre 2014, Werner parlò a una conferenza sul tema “Calcolare il costo per Cristo”. In quella occasione concluse il suo discorso affermando: “Moriamo una sola volta e potrebbe anche accadere a causa di Cristo”.

Mentre Werner prosperava nel suo lavoro, Dio mostrò a Hannelie che non poteva mettere la sua carriera al primo posto. Sebbene prestasse servizio presso il Care International Hospital di Kabul e in cliniche mediche locali, e avesse lasciato una carriera di successo nell’unità di traumatologia in Sudafrica.

In Afghanistan ho imparato a cambiare le mie priorità: Dio al primo posto, poi mio marito, poi i miei figli e poi me stessa con il mio servizio e infine la mia carriera”, ha detto. “Il mio obiettivo principale in Afghanistan era sostenere mio marito ed essere le mani e i piedi di Dio per il popolo afghano, cercando di far risplendere far la mia luce ed essere sale”.

La vita delle poche migliaia di cristiani in Afghanistan è molto difficile. Non ci sono locali di culto, quindi è quasi impossibile incontrarsi, adorare e pregare apertamente. Gli afgani che conoscono Cristo spesso mantengono segreta la loro decisione e vivono nella paura di essere scoperti dalle loro famiglie musulmane. Per legge, chiunque lasci l’Islam può essere messo a morte.

I credenti più maturi condividono il Vangelo, ma farlo è estremamente pericoloso.

“Hanno calcolato il costo. L’Afghanistan è un paese pericoloso. Abbiamo dovuto calcolare i costi prima di andare in Afghanistan con i nostri piccoli bambini. Sapevamo che poteva succedere di tutto e anche i credenti afghani sanno che può succedere di tutto: possono essere imprigionati, uccisi o decapitati. Devi venire a patti con tutte queste cose prima di andare in un paese come quello”.

 

Morire per Gesù

Jean-Pierre e Rodè hanno dormito fino a tardi il giorno dell’attacco. Jean-Pierre ha trascorso la giornata nella sua stanza ascoltando musica, suonando la chitarra e chiacchierando con gli amici sui social media. Aveva programmato di andare a far visita a un amico alle 15:30, più o meno al momento dell’attacco.

Rodé ha trascorso la mattina lavorando all’uncinetto e sul suo computer.
Werner era nel suo ufficio dalle 8 del mattino per prepararsi alle lezioni di addestramento alla leadership che dava alle 10:00 e poi di nuovo alle 15:00. Proprio durante la lezione pomeridiana i combattenti talebani hanno preso d’assalto l’edificio.

Verso le 15:30, un vicino vide tre uomini che camminavano davanti alla casa dei Groenewald, uno con indosso un’uniforme nera da poliziotto. Uno degli uomini si arrampicò quindi sulle spalle degli altri due in modo da poter saltare oltre il muro. Una volta dentro, aprì il cancello per far entrare gli altri.

La guardia del cancello affrontò immediatamente gli uomini, ma lo colpirono a morte con una pistola. Quando Werner sentì gli spari, ordinò ai 10 studenti afgani della sua classe di rifugiarsi nella sala consulenze di Hannelie lì accanto.

Dopo che gli altri avevano lasciato la sala conferenze, Werner e due uomini afgani cercarono di scappare dalle scale. A metà strada, tuttavia, incrociarono gli aggressori da una porta laterale che conduceva sul retro dell’edificio, quindi si voltarono per tornare di sotto. “Signore, per favore, aiutaci”, disse Werner prima di essere colpito due volte alla gamba e una volta all’addome. Ha perso conoscenza ed è morto dissanguato in pochi minuti.

I corpi di Jean-Pierre, 17 anni, e Rodé, 15 anni, furono trovati nell’appartamento al piano superiore dei Groenewald, nella stanza di Jean-Pierre. Entrambi erano stati colpiti a morte con un AK-47.

Due cristiani afgani sono sopravvissuti all’attacco nascondendosi nella sala conferenze, ma uno degli uomini ha riportato una ferita alla gamba: gli aggressori hanno sparato alla cieca nella stanza con un AK-47.

Altri sei afgani si erano nascosti nella sala consulenze. Hanno provato a barricare l’ingresso e uno è stato ucciso mentre un assalitore sparava attraverso la porta. Alcuni degli studenti sopravvissuti all’attacco hanno dichiarato di aver sentito un combattente talebano dire: “Li abbiamo uccisi tutti”, intendendo i Groenewald.

Dopo che uno degli aggressori ha fatto esplodere una bomba, uccidendosi, gli afgani sopravvissuti sono rimasti sul posto immobili fino a quando la polizia non ha ucciso gli ultimi due combattenti talebani, verso le 19:30 circa. Venti minuti dopo, due collaboratori tra le lacrime, hanno comunicato a Hannelie che la sua famiglia era stata uccisa. Alla notizia, rimase seduta come se non avesse compreso l’accaduto.

“Non sono riuscita a prendere sonno quella notte”, ha ricordato Hannelie. “Mi sono sentita totalmente sopraffatta e così terribilmente sola. Non riuscivo proprio a piangere. Mi sentivo come se un macigno mi stesse schiacciando …”

 

Ne vale ancora la pena

Quasi due anni dopo l’attacco, Hannelie ci dirà: “Sento pace dentro di me”. Sebbene non sia stato facile per lei trovare questa pace, sa che Dio è stato con lei sempre.

Il suo unico rimpianto, ha detto, non è che sia sopravvissuta, ma che non fosse con la sua famiglia quando sono morti.

“Volevo essere lì, soprattutto con i bambini, solo per abbracciarli e stringerli mentre venivano uccisi”, ha detto.

È certa, tuttavia, che Cristo era con loro in quei momenti.

Dopo l’attacco, ha visto comunque la mano di Dio. Il fuoco che bruciò il loro appartamento si interruppe bruscamente di fronte alla stanza di Jean-Pierre, impedendogli di bruciare i corpi dei suoi figli. Hannelie ha anche sentito la guida di Dio mentre ha affrontato il suo dolore ed è stata in grado di perdonare gli aggressori .

Nei mesi successivi all’attacco, Hannelie ha cercato opportunità per servire altrove nel mondo, ma ogni volta Dio ha chiuso le porte. Per ora, ha deciso di rimanere in Sudafrica, dove usa la sua professionalità ed esperienza come medico per prendersi cura dei meno privilegiati.

Continua a condividere la sua testimonianza ovunque la chiamino, raccontandola anche sei volte al mese in Sudafrica e altrove.

 

La famiglia di Hannelie fuori

Ripensando agli anni della sua famiglia in Afghanistan, disse che ne valeva la pena. Non cambierebbe nulla.

“Non credo che saprò mai al 100% quale sia stato l’impatto di ciò che abbiamo vissuto in Afghanistan nel corso degli anni”, ha detto. “Lo sapremo sicuramente un giorno, quando saremo di fronte al Signore. Ma credo che abbiamo avuto un impatto sulla vita di molte persone. Credo anche che il sangue della mia famiglia versato sia come un seme nella chiesa afgana e che alla fine ci sarà un raccolto di mille volte, perché so che Dio ha sempre l’ultima parola. “

Hannelie ha detto di essere orgogliosa dell’obbedienza della sua famiglia a Cristo; sa che il loro sacrificio e il loro servizio sono stati per la gloria di Dio.

“Per noi cristiani è facile adorare il Signore la domenica in chiesa, ma è difficile avere una sincera obbedienza al Signore e andare quando e dove ti chiama”, ha detto. “Credo che ci sia un prezzo da pagare per essere un vero credente nato di nuovo. Gesù Cristo è stato perseguitato da solo. Fu crocifisso e noi, i suoi discepoli, non siamo migliori di Lui. Succederà anche a noi se vivremo davvero uno stile di vita simile quello di un discepolo nato di nuovo che segue il Signore nell’obbedienza. Ci sarà sempre un prezzo da pagare”.

Il “Vangelo della prosperità” spesso insegnato in Occidente non è qualcosa che Hannelie vissuto in Afghanistan.

“Per me, sul campo, è stata una vita di sacrificio, difficoltà e lotte, e il Signore ci ha dato come ricompensa la Sua presenza”, ha detto. “Si è rivelato a noi, così come Egli è”.

Hannelie ha detto che le viene spesso chiesto se fosse mai stata arrabbiata con Dio per la morte dei membri della sua famiglia, e la sua risposta è “mai”.

“Abbiamo avuto una chiara chiamata”, ha detto. “Abbiamo avuto un mandato e ne abbiamo calcolato il costo. Sapevamo che poteva succedere qualcosa del genere. Dio l’ha permesso per un motivo”.

“So che in realtà mi hanno preceduto, hanno concluso bene la corsa prima di me. Credo che un giorno Jean-Pierre dirà: “Mamma, perché ti ci è voluto così tanto tempo per arrivare qui?”

Credo che loro siano dove dovrebbero essere, sulle ginocchia di Gesù, e non vedo l’ora di essere lì anche io. Ma prima devo finire la mia corsa per il Signore”.

 

Tratto da: persecution.com

 

 

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box