DORIAN DISTRUGGE LA PICCOLA ISOLA DELLE BAHAMAS CON 3 CHIESE E 300 PERSONE

DORIAN DISTRUGGE LA PICCOLA ISOLA DELLE BAHAMAS CON 3 CHIESE E 300 PERSONE

Immagine: Randy Crowe New Life Bible Church

 

 

CHIESE E 300 PERSONE

I soccorritori cristiani attendono che gli allagamenti si ritirino

prima di poter raggiungere i luoghi più colpiti come l’isola di Man-O-War Cay.

È dal 1° settembre che il pastore Randy Crowe lotta per avere contatti con la sua ex congregazione a Man-O-War Cay, Bahamas. Senza elettricità, telefoni o servizi cellulari sull’isola, Crowe non riesce a comunicare con nessuno.

Ma durante la sua unica chiamata satellitare con un membro della New Life Bible Church , Crowe ha appreso che la chiesa che ha curato per 12 anni è sparita, distrutta da tremendi venti di 200 miglia (322 km) l’ora che accompagnano la tempesta di Categoria 5.

L’isola, che conta meno di 300 abitanti, ha dovuto fare i conti anche con altri tornado che hanno seguito il passaggio di Dorian mentre la tempesta si propagava attraverso le 700 isole che compongono le Bahamas.

“Man-O-War Cay è decimata, totalmente distrutta”, ha detto Crowe.

La CNN ha riferito che Man-O-War Cay, che fa parte dell’area più colpita delle Isole Abaco, ha subito danni al 90-100% dei suoi edifici. Sulla piccola isola c’erano tre chiese: la New Life Bible Church, la Church of God e la Gospel Chapel.

Nell’edificio della New Life erano stati applicati pannelli di compensato su ogni finestra, in preparazione alla tempesta, ma ciò non è bastato per contrastare la forza di Dorian.

New Life e la casa accanto al momento sono chiusi”, si legge sull’ultimo post della pagina Facebook della chiesa prima della tempesta. “Il resto è nelle mani di Dio”.

Avendo assistito a diversi uragani che hanno colpito le Bahamas dal 1992, Crowe ha definito Dorian il “peggiore di sempre”.

Con tali gravi danni alle infrastrutture, i leaders della chiesa delle Bahamas non sono stati in grado di contattare i compagni pastori negli Stati Uniti. La Cooperative Baptist Fellowship riferisce di non essere riuscito a mettersi in contatto con i pastori delle sue nove chiese alle Bahamas.

Ci sono voluti tre giorni prima che qualsiasi visitatore potesse raggiungere Man-O-War. Dato che l’aeroporto più vicino a Marsh Harbour è ancora allagato da più di un metro d’acqua, Crowe deve aspettare fino alla fine della settimana per portare rifornimenti sul suo aereo Piper Cherokee 6.

Ma una volta che l’aeroporto riaprirà sulla vicina isola di Abaco, Crowe prevede di introdurre forniture di emergenza come teloni, motoseghe, prodotti per l’igiene, generatori, bevande in polvere e pasti pronti.

Presto organizzerà squadre per poter aiutare a ripulire e ricostruire grazie a Island Outreach , la missione che lui e sua moglie Paula hanno fondato quarant’anni fa.

“I nostri sforzi si concentreranno su Marsh Harbour e Man-O-War Cay”, ha dichiarato Crowe. “Ci vorranno molti viaggi. La nostra priorità è cercare di ricostruire case e tetti e liberare le strade dai detriti assicurandoci che tutti abbiano cibo e acqua”.

Man-O-War Cay deve parte della sua caratteristica atmosfera d’altri tempi alla sua eredità cristiana. Grazie alla storica presenza dei Fratelli e delle chiese pentecostali sull’isola, gli alcolici non sono mai stati legalizzati, e senza bar o hotel, non è mai diventata un luogo turistico importante.

(Molti dei residenti dell’isola sono diretti discendenti dei primi coloni britannici che si trasferirono alle Bahamas dopo la rivoluzione).

Giungono notizie che nell’isola di Grand Bahama (una delle isole più grandi) le chiese siano state aperte come riparo, ad esempio la Chiesa del Giubileo al momento ospita 150 persone.

Il Samaritan’s Purse è atterrato a Nassau giovedì con provviste di prima necessità, portando medicine e attrezzatura di pronto soccorso insieme a filtri per l’acqua. Il suo team in risposta alle catastrofi è provvisto di un aereo e un elicottero più piccoli che sperano di utilizzare per accedere alle isole più difficili da raggiungere per continuare a valutare le esigenze e distribuire materiale di primo soccorso.

Crowe ha affermato che Missionary Flights International prevede anche di fare rifornimenti per Marsh Harbour non appena riaprirà l’aeroporto.

Lavoriamo tutti insieme perché questo è ciò che rende il corpo di Cristo così speciale”, ha detto Crowe. “Insieme è meglio”.

 

tratto da: christianitytoday
I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box