HALLOWEEN

HALLOWEEN

Chi di voi non ha mai sentito parlare della notte di HALLOWEEN?

 Il suo successo commerciale è incontestabile. Halloween è la festa per travestirsi, decorare la casa e il giardino, offrire caramelle ai bambini. Una festa per tutti. Ma cosa c’è dentro la zucca?

Il 31 OTTOBRE nell’ora in cui tramonta il sole, inizia la veglia di SAHMAIN o HALLOWEEN.

Questo vocabolario è una contrazione delle parole celtiche “ALL HALLOW’S EVE” ossia veglia di  OGNISSANTI, ovvero il giorno in cui la tradizione cristiana celebra tutti i Santi, nessuno escluso.

Si tratta di una celebrazione molto radicata nella cultura americana ed in quella anglosassone in generale, ma da diversi anni a questa parte pure l’Italia ha accolto a modo suo, questa occasione per dare libero alle più  macabre e divertenti fantasie.

La sera del 31 OTTOBRE i bambini mascherati bussano ad ogni porta alla ricerca di caramelle o dolcetti.

Gli adulti stanno al gioco e fanno festa anche loro: fantasmi, scheletri, streghe, folletti, fate danzano, scherzano e trascorrono la notte evocando gli spiriti della terra.

Vediamo adesso le origini, cioè come e dove è nata questa festa che sembra tanto divertente.

Le sue origini risalgono all’epoca in cui le isole britanniche erano dominate dalla cultura celtica, prima che l’Europa cadesse sotto il dominio romano.

I CELTI erano un popolo forte, potente composto da numerose tribù, unite da usi e costumi simili e provenivano dalle lontane terre dell’Asia: molto probabilmente più di cinquemila anni fa si spostarono in Europa occupando le terre che vanno dal Mar Baltico, ghiacciato per molti mesi l’anno, al più caldo Mar Mediteranno, dalle coste del Mar Nero fino alle sponde occidentali dell’Irlanda.

Era gente fiera, che viveva di caccia e di prodotti della terra, che amava raccogliersi intorno al fuoco nelle fredde sere d’autunno ad ascoltare i racconti dei FILIDI, cioè i poeti o la voce dei DRUIDI.

Chi erano i DRUIDI?

Essi erano sacerdoti di una privilegiata casta sociale.

Erano depositari della legge, oltre che sacerdoti erano nominatori di re, educavano i giovani e amministravano la giustizia.

Praticavano sacrifici umani anche per avere raccolti abbondanti.

Questi sacerdoti erano capaci di indovinare il futuro nelle stelle o erano capaci di parlare con le anime dei defunti.

Il calendario celtico era basato sulle FASI LUNARI ( le FASI LUNARI sono le fasi di illuminamento della Luna sulla terra, cioè come noi la vediamo, poiché la luna splende di luce solare riflessa, Esso sono ( FASI LUNARI ): luna nuova, luna crescente, luna piena, ultimo quarto), e le ricorrenze più significative erano quattro:

  1. IMBOLC, il primo giorno di Febbraio
  2. BELTAIN, il primo giorno di Maggio
  3. LUGHNASA, il primo giorno di Agosto
  4. SAMAIN, il primo giorno di Novembre

FAR VEDERE LA FOTOCOPIA CALENDARIO CELTICO. 

La sera del 31OTTOBRE, cioè SAMAIN per i CELTI, ( perché bisogna tener presente che presso i popoli antichi il giorno non cominciava allo scoccare della mezzanotte ma qualche ora prima cioè al tramonto) segnava l’inizio del lungo periodo invernale, durante il quale il mondo dei vivi e quello dei morti si mescolava.

I DRUIDI credevano che quella sera SAMAN, il signore dei morti, evocasse orde di spiriti maligni ed accendevano grandi fuochi probabilmente per respingere tali spiriti.

In quella notte secondo la tradizione i defunti tornavano a visitare le loro antiche dimore assieme al “PICCOLO POPOLO”( FOLLETTI )perché la porta che metteva in comunicazione il nostro mondo con quello antico delle “FAIC”( FATE ) si apriva e permetteva agli abitanti dell’altrove di entrare in contatto con gli esseri umani.

In seguito alla conquista romana della Britanna, HALLOWEEN assunse alcune caratteristiche della festa romana del raccolto, che si celebrava il 1° NOVEMBRE in amore di PAMONA, dea della frutta degli alberi.

Infatti l’anno nuovo cominciava con il 1° NOVEMBRE, quando i lavori nei campi erano completamente conclusi, il raccolto era al sicuro ed i contadini potevano finalmente rilassarsi e godersi i doni che gli dei avevano loro concesso.

Quindi in tale data venivano ricordate ed evocate tute le divinità pagane a titolo di ringraziamento ed auspicio per l’anno entrante.

In Scozia e Galles ancora oggi si accendono grandi fuochi ad HALLOWEEN.

Tracce della festa del raccolto ancora oggi esistono negli Stati Uniti e Gran Bretagna, dove in questo giorno vengono fatti giochi con la frutta.

Quindi come abbiamo visto l’ALDILA non era solo il mondo dei morti, ma soprattutto il mondo misterioso dei folletti e fate che amano venire in contato con i vivi, giocando loro ogni tipo di scherzo.

Per non farsi riconoscere durante la veglia di OGNISSANTI, quando era loro permesso di entrare nel mondo dei vivi, queste misteriose creature si mascheravano in mille modi diversi, perché così era più facile trarre in inganno e spaventare gli esseri umani.

MA COME MAI UNA FESTA CELEBRATA TANTI ANNI FA IN MOLTE REGIONI EUROPEE E’ DIVENTATA COSI IMPORTANTE NELL’AMERICA DEL NORD?  

Nei secoli scorsi numerosi abitanti della terra d’Irlanda dove i CELTI hanno lasciato di più il loro segno, sono partiti verso terre lontane, quelle d’oltre oceano nella speranza di trovare un mondo migliore.

Sono sbarcati negli attuali Stati Uniti ed hanno portato con se usi e costumi, tra cui HALLOWEEN intorno alla quale sono nate misteriose leggende.

Ma l’aspetto di questa festa non dispiacque alla Chiesa Cattolica, che in un certo modo si impadronì della ricorrenza per celebrare tutti i santi del Cristianesimo: ecco allora nascere il giorno di OGNISSANTI ( che non a caso, ricordiamo precede il giorno dei morti, tanto per ribadire l’in scendibile legame che collega la dimensione terrena con quella ultra terrena, semplicemente l’ALDILA ).

Molti cattolici in Europa e in America in questo giorno visitano i cimiteri e accendono candele o lumini sulle tombe dei loro morti.

Ricordiamo che era uso fare dei falò per propiziare un buon inverno.

E chi di voi quando era piccolo preparava pane ed acqua da lasciare ai morticini i cambio dei giocattoli in questo giorno?

HALLOWEN è diventata sinonimo di notte stregata, popolata da spiriti maligni.

Allora sapete quale è la frase che si sente risuonare sull’uscio di ogni casa la sera del 31 OTTOBRE?

TRICK OR TRAET, TRICK OR TRAET!

Cioè DOLCETTO, SCHERZETTO, DOLCETTO O SCHERZETTO!

Bambini mascherati da fantasmi, streghe, vampiri o mostri diventano i protagonisti della serata.

Come i folletti dell’ALDILA sono pronti ad ogni scherzo, ,ma sono capaci di rinunciarvi.

Pretendono un dolce per garantire la tranquillità.

La storia della zucca.

Il simbolo universale di Halloween è la zucca intagliata con la faccia. Questo è probabilmente il segno più popolare associato alla festa. Deriva da una leggenda che parla dell’incontro fra un uomo e il diavolo. Si racconta che un irlandese ubriaco di nome “Stingy Jack” vendette l’anima al diavolo per pagare i suoi debiti di gioco. Lo incontrò nella notte di Halloween e gli offrì da bere. Il diavolo accettò a condizione che Jack pagasse. Dopo aver bevuto Jack mise in dubbio che il diavolo fosse in grado di trasformarsi in qualsiasi cosa volesse. In questo modo lo imbrogliò e lo fece trasformare in una moneta per pagare la bevanda. Prima che il diavolo riuscisse a riprendere la sua forma normale Jack prese la moneta e la mise in tasca vicino alla croce d’argento per impedirgli di ritornare come prima.

Per liberarsi il diavolo fece un accordo, promettendo a Jack che l’avrebbe lasciato in pace per un anno se lo liberava. Jack acconsentì pensando che avrebbe avuto tutto il tempo per cambiato vita e che il diavolo l’avrebbe allora lasciato in pace. Ma poi non si curò della sua risoluzione né di sua moglie, né dei poveri e non andò mai in Chiesa, come aveva pensato. Così che il diavolo ritornò l’anno successivo a Halloween per prendersi Jack. Ma anche questa volta Jack riuscì con uno stratagemma a ingannare il diavolo, facendogli promettere di lasciarlo in pace per dieci anni. Ma l’anno dopo morì. Gli fu negato l’accesso al paradiso, e così si diresse verso l’inferno. Ma il diavolo, furioso della sconfitta subita, gli impedì l’accesso al regno delle tenebre e lo spedì sulla terra a peregrinare come un’ anima in pena poiché l’aveva ingannato. Mentre Jack vagava nelle tenebre per la terra cercando un posto per riposare, mangiò una rapa. Il diavolo gli lanciò un pezzo di carbone ardente dalle fiamme dell’inferno; Jack, disperato per la sua ricerca, prese il carbone e lo mise nella rapa per illuminare il suo cammino. Da allora, quando si vedono i fuochi fatui nelle zone paludose, c’è l’usanza di dire che sia Jack con la sua lanterna (“Jack-O-Lantern”) alla ricerca di un luogo di riposo. Più tardi la rapa fu sostituita dalla zucca.

SAPETE PERCHE’ VIENE MESSA LA ZUCCA ACCESA SUL DAVANZALE? 

È usanza prendere una zucca tondeggiante, tagliare la parte di sopra, cioè il cappello.

La zucca viene svuotata e bisogna intagliare il naso, la bocca, gli occhi con un taglierino.

Dentro si inserisce una candela con la base larga.

Si chiude con il cappello e la sera del 31 OTTOBRE si mette sul davanzale della finestra e si accende la candela, così nessun folletto malvagio, nessuna strega, nessun mostro oserà disturbare il sonno e la casa sarà così protetta dagli spiriti dalle malvagie intenzioni.

L’importanza dell’occulto

Le origini di Halloween sono strettamente connesse alla magia, alla stregoneria e al satanismo. Gli adepti del satanismo e della magia riconoscono nel 31 ottobre uno dei giorni più importanti nell’anno: la vigilia di un nuovo anno per la stregoneria. A causa delle sue radici e della sua essenza occulta Halloween apre una porta all’influsso occulto nella vita delle persone. L’enfasi di Halloween è sulla paura, sulla morte, sugli spiriti, la stregoneria, la violenza, i demoni. E i bambini sono particolarmente influenzabili in questo campo. L’industria cinematografica ha contribuito abbondantemente al dannoso influsso di Halloween promovendone e glorificandone i contenuti. Molte persone sono rimaste coinvolte nel mondo occulto a causa dell’influenza di Halloween e dei film, in quanto questi suggeriscono che possiamo possedere capacità soprannaturali. 

I simboli

Pipistrelli, gatti neri, la luna piena, streghe, fantasmi… questi simboli hanno poco a che vedere con la vigilia di Samhain. Si tratta però di simboli usati nel mondo occulto che hanno trovato un posto naturale nella festa di Halloween. Le notti di luna piena sono il momento ideale per praticare certi riti occulti. I gatti neri vengono associati alle streghe per superstizione – si credeva che le streghe potessero trasferire il loro spirito in un gatto, e per questo ne avevano sempre uno. Ai pipistrelli vengono attribuite capacità occulte perché hanno caratteristiche di uccello (che nel mondo occulto sono simbolo dell’anima) e di demonio (perché vivono nelle tenebre). Nel medioevo si credeva che sovente il diavolo si trasformava in pipistrello. Diviene così chiara la ragione per cui il pipistrello è diventato parte di Halloween.

Nel 1999 queste due immagini si trovavano sui bicchieri della Coca-Cola e sulle buste di patatine di un noto fast-food.

MA CONFRONTANDO TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO DETTO CON LA PAROLA DI DIO COSA POSSIAMO DIRE?

  1. La Bibbia non ci parla dell’esistenza di folletti, streghe, vampiri, fate ecc
  2. Nella Bibbia è scritto che i morti non possono tornare sulla terra ( Luca 16:19Il ricco e Lazzaro )
  3. Quando l’anima lascia il corpo non va dappertutto ma in un luogo specifico ( Genesi 37:35 – 1 Samuele  2:6 – Isaia 38:10 – Matteo 16:18 ) un luogo di riposo per i giusti ed tormento per gli ingiusti.
  4. I morti sono esseri senza spirito ( Giacomo 2:26 )
  5. Sono incapaci di muoversi ( Matteo 28:4 – Apocalisse 1:17 ) fa il riferimento a persone che per lo spavento sono cadute come morti
  6. Ignorano tutti gli affari umani ( Ecclesiaste 9:5 )
  7. Non hanno più le passioni umane ( Ecclesiate 9:6 )
  8. Non ritornano in vita ( Giobbe 7:9,10 – Giobbe 14: da 10 a 14 )
  9. «Quando sarai entrato nel paese che il Signore, il tuo Dio, ti dà, non imparerai a imitare le pratiche abominevoli di quelle nazioni. Non si trovi in mezzo a te chi fa passare suo figlio o sua figlia per il fuoco, né chi esercita la divinazione, né astrologo, né chi predice il futuro, né mago, né incantatore, né chi consulta gli spiriti, né chi dice la fortuna, né negromante, perché il Signore detesta chiunque fa queste cose. A motivo di queste pratiche abominevoli, il Signore, il tuo Dio, sta per scacciare quelle nazioni dinanzi a te. Tu sarai integro verso il Signore Dio tuo; poiché quelle nazioni, che tu spodesterai, danno ascolto agli astrologi e agli indovini. A te, invece, il Signore, il tuo Dio, non lo permette.» (Deuteronomio 18:9‑14).
  10. «Non rivolgetevi ai medium e ai maghi: non consultateli, per non contaminarvi per mezzo loro. Io sono il Signore, il vostro Dio.» (Levitico 19:31).

 

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box