L’UOMO CHE HA SFIDATO I CRISTIANI NEL CASO DELLA TORTA GAY

L’UOMO CHE HA SFIDATO I CRISTIANI NEL CASO DELLA TORTA GAY

L’attivista per i diritti degli omosessuali Gareth Lee sfiderà la decisione della corte britannica di sostenere la libertà di espressione di una coppia cristiana che possedeva il panificio Ashers.

Lee intende sfidare l’idea che un’azienda possa avere credenze religiose e sostenere che le opinioni dei proprietari sono separate da quelle dell’azienda.

Nel 2014, Lee ha chiesto a un’azienda di panetteria di proprietà cristiana di fargli una torta che dicesse “Sostenere il matrimonio gay”, i proprietari della panetteria si sono rifiutati di fare la torta a causa delle loro credenze cristiane.

Dopo aver perso in un tribunale inferiore, la famiglia McArthur, proprietaria della panetteria Ashers, hanno visto riconoscere il loro diritto dalla Corte suprema del Regno Unito nel 2018, con il giudice Lady Hale che ha dichiarato di non essere stato discriminatorio per aver rifiutato di fare la torta.

Il giudice Lady Hale ha dichiarato che non stavano rifiutando il cliente a causa della sua sessualità, ma erano contrari al messaggio non importa chi lo avesse chiesto.

Ora, Gareth Lee, un attivista per i diritti dei gay, sta portando il caso alla Corte europea dei diritti umani, sostenendo che la corte britannica “non è riuscita a dare il giusto peso” ai suoi diritti umani.

Il giudice Lady Hale si è rivolto alle libertà della coppia dichiarate nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo nell’ottobre 2018, dicendo: “La libertà di non esprimere un’opinione che non si detiene è anche protetta dall’articolo 10 della convenzione …”

“Questo tribunale ha dichiarato che nessuno dovrebbe essere costretto ad avere o esprimere un’opinione politica in cui non crede”.

Daniel e Amy McArthur hanno perso il loro caso iniziale prima di vincere alla Corte Suprema.

La Commissione per la parità si è occupata per la prima volta del caso Lee nel 2014 ed è andata in tribunale a Belfast sostenendo che i McArthurs avevano agito in modo discriminatorio.

Ora, il caso sarà ripreso dalla legge di Phoenix, che in una dichiarazione afferma:
“Non esiste una cosa come un affare cristiano e contestiamo che nessuna cosa del genere dovrebbe essere riconosciuta legalmente da un tribunale”.

David Smyth, responsabile delle politiche pubbliche dell’Alleanza evangelica nell’Irlanda del Nord, ha dichiarato a Premier: “Le questioni rimangono intorno alla credenza religiosa, all’opinione politica e al diritto di non essere costretti a produrre beni con un determinato messaggio.

“Sarà interessante vedere come procederà e quale esito finale avrà e se ciò cambierà il modo in cui la panetteria Ashers o altre aziende di proprietà dei cristiani e come potranno gestire le proprie attività e fornire beni e servizi”.

 

Tratto da: premier.org.uk
I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box