PORTE APERTE “NAGORNO-KARABAKH: I CRISTIANI SCELGONO L’UNITÀ”

PORTE APERTE “NAGORNO-KARABAKH: I CRISTIANI SCELGONO L’UNITÀ”

Con l’intensificarsi del conflitto nel Nagorno-Karabakh (regione del Caucaso meridionale), i cristiani dell’Armenia e dell’Azerbaigian chiedono di essere sostenuti in preghiera.

Anche se non parlano la stessa lingua e vivono in due Paesi differenti, condividono la stessa fede e fanno parte di una stessa famiglia. Essi sono coinvolti però in un conflitto storico: il controllo del territorio di Nagorno-Karabakh.

Prima il Covid-19 poi la guerra

Prima la crescente diffusione del Covid-19 ha alimentato quarantene molto rigide, ora l’escalation di violenza a motivo del conflitto contribuisce a rendere la stabilità nei due Paesi sempre più precaria.

Il livello di sofferenza della popolazione è palpabile:

  • In Armenia è stata varata la legge marziale e tutti gli uomini sotto i 55 anni possono essere chiamati alle armi, tra loro anche i cristiani come Peter*, marito di 45 anni e padre di 3 figli, o come alcuni giovani studenti cristiani impegnati nell’evangelizzazione all’interno delle università locali, membri dei Gruppi biblici Universitari. “Il mio cuore è stato travolto quando, entrando in una chiesa, ho visto una grande quantità di persone. C’erano anziani che pregavano per i loro nipoti e donne che intercedevano per i loro mariti”, ha detto un cristiano della città di Yerevan, capitale dell’Armenia.
  • In Azerbaigian i cristiani soffrono di una cattiva reputazione a causa del modo con cui i media locali li descrivono. “Nemici dello Stato”, è così che vengono definiti. Nella società azera, di lingua turca e prevalentemente musulmana, molti sostengono che i cristiani siano traditori che collaborano con l’Armenia cristiana.

Strumenti di pace

Che si tratti di armeni o di azeri, i cristiani chiedono di essere sostenuti in preghiera affinché la luce di Cristo brilli in mezzo alle tenebre, nella speranza che i due Paesi giungano ad un accordo di pace.

“Beati quelli che si adoperano per la pace, perché saranno chiamati figli di Dio”, ha detto Gesù.

*pseudonimo

Porte Aperte Italia

PROVVEDI CONFORTO E AIUTO PRATICO
PER MEZZO DI UNA SQUADRA DI VOLONTARI DI RISPOSTA RAPIDA

 

Nei contesti di persecuzione un cristiano può trovarsi solo di fronte a una folla che lo aggredisce, gli brucia la casa e, nella migliore delle ipotesi, lo allontana forzatamente dal villaggio. Accade anche che, in caso catastrofi naturali come inondazioni e terremoti i cristiani, a motivo della loro fede, rimangano isolati o subiscano discriminazioni nella distribuzione degli aiuti.

Le nostre squadre di volontari rispondono rapidamente, soccorrendo fratelli e sorelle in simili circostanze. Sono parte della nostra famiglia di fede, non lasciamoli soli!

Con 70 euro puoi equipaggiare una squadra di volontari di risposta rapida per portare conforto e supporto pratico ai perseguitati.

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box