PORTE APERTE “PAKISTAN: CRISI DI GOVERNO ED ECONOMICA ACUISCONO I TIMORI DEI CRISTIANI”

PORTE APERTE “PAKISTAN: CRISI DI GOVERNO ED ECONOMICA ACUISCONO I TIMORI DEI CRISTIANI”

NELLA FOTO: Donna pakistana

Il parlamento pakistano ha eletto il deputato dell’opposizione Shahbaz Sharif come nuovo Primo Ministro, dopo una settimana di disordini politici che hanno portato alla cacciata del premier Imran Khan nel fine settimana. Ma le tensioni sono alte tra i movimenti pro e anti Imran. Difficile pensare che la nomina di Sharif garantirà un percorso pacifico o risolverà i problemi economici del paese, tra cui l’alta inflazione e una crisi energetica vertiginosa.

Per i cristiani in Pakistan cresce l’incertezza e i timori per un’instabilità sociale e politica che non li aiuta di certo.

Negli ultimi anni, con il Premier Imran, la radice e i danni del passato sono rimasti intatti, anzi una certa “narrazione estremista” ha continuato ad essere perpetuata e a far breccia nella popolazione a vari livelli.

Quell’estremismo strisciante, spesso sfociato in attacchi alle comunità cristiane oltre che a minacce a chiunque difendesse cause di violazioni dei diritti umani di quest’ultimi, non è sparito e purtroppo in momenti di instabilità politica come questo, rischia di aumentare la propria influenza.

Cristiani locali (anonimi per ragioni di sicurezza) affermano: Sono anni che viviamo sotto questa minaccia e ci stanno preparando per altre sfide nei prossimi anni. Preghiamo perché il nuovo Premier abbia compassione e cuore anche per le minoranze nel nostro paese, che riconosca la persecuzione a cui sono sottoposti quotidianamente i cristiani e intraprenda azioni appropriate per proteggere i deboli e i vulnerabili”.

Il periodo di Pasqua è spesso stato catalizzatore di aggressioni e attacchi contro le comunità cristiane, con anche attentati terroristici brutali, oltre che folate di discriminazioni piccole e grandi capaci di rendere la vita quotidiana delle famiglie cristiane impossibile.

Di fronte a tutto questo, cristiani locali affermano consapevoli: “Noi, come Chiesa, siamo pronti e continueremo a prepararci per altre persecuzioni”.

Il Pakistan occupa l’ottava posizione della World Watch List di Porte Aperte, da molti anni tra i paesi in cui i cristiani sperimentano un livello di persecuzione e discriminazione definita estrema.


Porte Aperte Italia

Sostieni uno dei seminari di Porte Aperte di preparazione alla persecuzione

In molti paesi la persecuzione è in crescita e raggiunge livelli di oppressione insopportabili. In altri non è ancora esplosa, ma vi sono elementi e fenomeni che ne presagiscono un’escalation.

La Missione Porte Aperte riconosce da anni la necessità di rafforzare i cristiani che affrontano queste “tempeste” o di prepararli per quelle che sono all’orizzonte.

Il seminario è stato studiato appositamente per dare loro forza, coraggio e motivazione, con un’attenzione particolare ai leader delle comunità, spesso i più bersagliati.

Secondo le ricerche sul campo fatte da Porte Aperte, non solo l’estremismo islamico ma anche il nazionalismo indù e buddista rappresentano una costante minaccia alla libertà religiosa dei cristiani.

 

Con un regalo di 60 euro puoi permettere a un cristiano in un paese dell’Asia di partecipare a un singolo seminario.

I commenti sono chiusi.
Se sei interessato ad un articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Lo Staff Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box