PORTE APERTE “BANGLADESH: ROHINGYA E LA VERITÀ TACIUTA”

PORTE APERTE “BANGLADESH: ROHINGYA E LA VERITÀ TACIUTA”

Il 27 gennaio una folla di centinaia di persone ha attaccato e distrutto 18 case di cristiani e una casa usata come locale di culto, aggredendo brutalmente i cristiani presenti, alcuni dei quali sono finiti ospedale in non buone condizioni e altri 3 sono stati rapiti e tutt’ora mancano all’appello.

Di qui, la notizia appare purtroppo una delle tante tragiche notizie nel flusso dell’aumento di persecuzione anticristiana nel mondo, se non fosse per un dettaglio che vogliamo mettere in luce: i cristiani attaccati sono di etnia Rohinghya, quella di cui il mondo parla perché la Corte internazionale di giustizia dell’Aja ha chiamato a processo l’esercito del Myanmar (nonostante l’opposizione del Nobel per la pace San Suu Kyi) con l’accusa di genocidio contro la minoranza musulmana dei Rohingya, costretti in migliaia a fuggire dal Myanmar e riparare in zone vicine, tra cui il Bangladesh.

Mentre il mondo si indigna contro il trattamento subito da questa etnia musulmana, noi vogliamo portare alla luce una verità taciuta: tra loro ci sono convertiti alla fede cristiana, ex musulmani, i quali, doppiamente vulnerabili, vengono discriminati, aggrediti e ora rapiti e torturati a causa della loro fede.

Le famiglie aggredite e terrorizzate in Bangladesh il 27 gennaio sono infatti Rohingya ex musulmani.

Gli aggressori sono connessi al gruppo Arakan Rohingya Salvation Army (ARSA), il quale dichiara di non avere legami con nessuna organizzazione jihadista internazionale, ma di fatto usa tecniche assai simili. E’ probabile che i tre rapiti stiano subendo torture e pressioni per riconvertirsi all’islam.

La polizia è stata più o meno costretta ad indagare sui cristiani rapiti, ma finora si è rifiutata di prendere provvedimenti seri, perché i Rohingya devono prima denunciare l’accaduto, cosa assai difficile perché essi sono rifugiati in Bangladesh e non hanno la cittadinanza.

Vale la pena ripeterlo: la verità taciuta è che tra questa minoranza islamica senza terra e rifiutata da tutti vi sono convertiti alla fede cristiana, i quali sono doppiamente vulnerabili poiché vivono le ristrettezze comuni agli altri e al tempo stesso il rigetto, l’aggressione e l’odio del loro stesso popolo.

Porte Aperte Italia

Dona coraggio e speranza
a un giovane musulmano convertito

Quando Ishak, un giovane musulmano, si è convertito a Gesù, ha subito continue pressioni per rinunciare alla sua nuova fede e ad un certo punto è stato cacciato di casa dalla sua famiglia. Il suo è un classico esempio di quanto paghino coloro che si avvicinano alla fede cristiana in un contesto fortemente islamico e radicalizzato.
Il training vocazionale di Porte Aperte permette a questi nuovi credenti, come Ishak, di diventare autosufficienti, dando loro le risorse, la motivazione, l’aiuto e il vigore per rimanere saldi in Gesù.

Con un dono di 30 euro, puoi decidere di dare un aiuto immediato ai tanti giovani come Ishak.

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box