PROTEGGI I NOSTRI PREDICATORI DI STRADA: PETIZIONE CONSEGNATA AL MINISTERO DEGLI INTERNI INGLESE

PROTEGGI I NOSTRI PREDICATORI DI STRADA: PETIZIONE CONSEGNATA AL MINISTERO DEGLI INTERNI INGLESE

Londra il predicatore Olu Ilesanm a febbraio è stato fermato dalla polizia nella metropolitana mentre parlava con i passanti, riceverà un indennizzo: i giudici hanno imposto alla polizia di versargli 2500 sterline per “errato arresto”.

Il pastore Olu Ilesanm e l’organizzazione Christan Concer hanno presentato una petizione al ministro degli interni inglese.

Oltre 45.000 persone hanno firmato la petizione, che è stata consegnata al governo chiedendo ai ministri di proteggere la libertà di parola per i predicatori nel Regno Unito che non infrangono la legge.

La petizione è stata lanciata dal trattamento ricevuto dal pastore Olu Ilesanmi, che è stato arrestato a febbraio per predicazione di strada e gli è stata tolta la Bibbia, è stato successivamente “arrestato”.

I giudici hanno disposto un indennizzo di £ 2.500 pagai polizia metropolitana per arresto errato.

Martedì, Christian Concern, accompagnato dal pastore Olu e altri predicatori di strada, ha portato una scatola gialla di firmatari al Ministero degli Interni di Londra, chiamando il nuovo segretario di Stato per gli affari interni del Regno Unito Priti Patel a indagare urgentemente su quale orientamento e formazione vengano impartiti agli agenti di polizia e assicurare che proteggano la libertà di predicare in pubblico.

Molti cristiani sono preoccupati che alla polizia non venga data sufficiente formazione su ciò che è legale dire, nonostante sia impopolare, come dire che Gesù è l’unica via per il paradiso o che invoca certi peccati.

Attualmente, nel Regno Unito esiste libertà di parola purché la legge non venga infranta, ad esempio, incitando alla violenza o all’odio di un determinato gruppo.

La libertà di espressione è inoltre protetta dall’articolo 10 della legge sui diritti umani, soggetta a condizioni come la prevenzione di reati o disordini.

Altre leggi del Regno Unito vietano i discorsi di odio, come la Sezione 4 del Public Order Act del 1986, che limita i comportamenti offensivi o offensivi e ora include incidenti in cui parole o comportamenti hanno invitato l’odio o l’odio razziale o religioso sulla base dell’orientamento sessuale.

 

Tratto da: premier.org.uk
I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box