SONO UNA RAZZA RARA: UN GIOCATORE DI SCACCHI D’ÉLITE APERTO ALLA SUA FEDE

SONO UNA RAZZA RARA: UN GIOCATORE DI SCACCHI D’ÉLITE APERTO ALLA SUA FEDE

 Perché seguo pubblicamente Gesù, anche quando le persone avvertono che la mia carriera soffrirà.

Nel piccolo pianeta dove abitano i giocatori di scacchi d’élite, pochissime persone adorano Gesù Cristo. Se qualcuno scopre che sei uno di quei “superstiziosi”, “idioti dalla mentalità ristretta”, probabilmente vedrai accumulare cattivi commenti sulla tua fan page di Facebook.

A intervalli regolari, ricevo e-mail da estranei che mi tengono lezioni sui pericoli di seguire Gesù. Per pietà o disgusto, si chiedono come io, il secondo giocatore di scacchi al mondo, possa essere così “debole di mente”.

Mi è stato assicurato che identificarsi apertamente come cristiano interferirà con sponsorizzazioni, supporti e inviti a eventi. Mi è stato detto che passare il tempo a leggere la mia Bibbia, pregare e andare in chiesa indebolirà inevitabilmente le mie performance. La gente mi supplica almeno di vivere la mia fede in privato sostenendo che ringraziare Dio pubblicamente mi fa sembrare ridicolo.

Allora perché ho fatto una mossa così rischiosa?

GIOCARE IN SICUREZZA

Nelle Filippine, dove sono cresciuto, le persone menzionano Dio continuamente, praticamente in ogni contesto. Tutti credono che esista, anche se non sono disposti ad instaurare una più profonda relazione con Lui.

Da bambino, mi hanno insegnato che dovevi essere una brava persona in modo che Dio ti desse alcune benedizioni, come il cibo e il lavoro, che sono molto importanti in un paese così povero. Ma questo mi ha confuso, perché sembrava che le persone cattive ricevessero più delle brave persone. Conoscevo molti criminali famosi che andavano in chiesa, indossavano simboli religiosi e si facevano tatuaggi di Gesù o di un crocifisso, ed erano piuttosto ricchi.

Chiaramente, molte credenze popolari hanno poco a che fare col vero Dio ma piuttosto vengono praticate per aggiudicarsi il favore del “dio della fortuna”.

Una leggenda narra che se si sfrega una parte particolare di una statua particolare, si è benedetti. Se hai commesso un crimine atroce, potresti fare una grossa donazione a qualche santo o strisciare in ginocchio verso l’altare, chiedendo perdono.

Da bambino, ho deciso di giocare sul sicuro: recitavo le preghiere che mi erano state insegnate e facevo il segno della croce in dei momenti particolari o luoghi. Ma non mi sono mai sentito vicino a Dio in modo significativo. In effetti, avevo principalmente paura che mi mandasse all’inferno.

LA MIA NUOVA FAMIGLIA

Gioco a scacchi da sei o sette anni. All’inizio, era solo un gioco divertente dove riuscivo a vincere. Crescendo, ho continuato a vincere. Ma le Filippine offrono poco supporto ai giocatori di scacchi. (Nel complesso, la gente preferisce il basket.) Ci sono molti eccellenti giocatori di scacchi nelle Filippine, ma sono considerati un gioco da poveri. Le persone potenti e ricche che potrebbero aiutare i giocatori di scacchi ad avanzare nella società semplicemente li ignorano.

Nonostante questi ostacoli, ho continuato a giocare, rappresentando il mio paese nei tornei regionali e cercando di guadagnare un po’di soldi qua e là. Ma per diventare un giocatore di scacchi d’élite, devi investire nella tua crescita e io non potevo permettermi di assumere un allenatore. Studiavo dai ritagli di giornale perché la mia famiglia non poteva permettersi libri veri.

A circa 16 anni affondai nella depressione. Anche se ho riconosciuto il mio talento speciale gli scacchi, non sembrava esserci un modo per svilupparlo. Sembrava che non ci fosse alcuna speranza realistica di perseguire una carriera come professionista degli scacchi. Per frustrazione, ho smesso di studiare e le mie performance come giocatore hanno iniziato a risentirne.

Un giorno ho avuto l’impulso improvviso di andarmene. Avevo 18 anni e vivevo da solo già da due anni. In quel periodo, ricevetti un’offerta per giocare nella squadra di scacchi di una piccola università americana, e decisi di accettare così, almeno, avrei avuto la possibilità di laurearmi e assicurarmi un futuro.

Così ho incontrato le persone che sarebbero diventate la mia famiglia adottiva. Erano cristiani e li ho conosciuti nel 2013 durante una cena. Successivamente, andavo in Minnesota 2-3 volte al mese in aereo così da poter passare del tempo con loro.

Lotis, la mia madre adottiva, poteva avvertire la mia infelicità. Dopo un po’, mi ha chiesto cosa volevo fare nella vita, e ho risposto che mi piaceva giocare a scacchi ma non pensavo di essere abbastanza talentuoso da poterne fare una carriera a tempo pieno.

“Come fai a saperlo?” Chiese. “Non hai mai avuto l’opportunità di dedicarti agli scacchi a tempo pieno. Hai sempre dovuto preoccuparti di fare soldi, per poter a malapena sopravvivere. Lotis mi ha detto di concentrarmi solo sugli scacchi per i successivi due anni: la sua famiglia mi avrebbe supportato in ogni modo possibile. E se non avessi fatto progressi potevo sempre ritornare a studiare.

Alla fine del 2014, avevo lasciato il college, mi ero trasferito dalla mia famiglia adottiva e avevo avviato una carriera come giocatore di scacchi professionista. Soprattutto, avevo arreso il mio cuore a Gesù Cristo instaurando con Lui quella relazione intima e profonda che prima mi mancava.

I miei genitori adottivi erano cristiani maturi, e la mia fede all’inizio non era radicata come la loro. Non mi hanno mai condannato per questo, ma hanno insistito sul fatto che vivere come un membro della famiglia significava rispettare determinate regole e costumi della casa.

Era necessario che leggessi la mia Bibbia ogni sera e frequentassi fedelmente la chiesa nel fine settimana. Durante i primi mesi, ho rischiato di addormentarmi durante ogni sermone, non perché fossero noiosi, ma perché tutti i cambiamenti nella mia vita erano così stressanti e schiaccianti.

Non mi è mai dispiaciuto andare in chiesa, e in qualche modo sono riuscito ad acquisire la vera saggezza da quei frammenti di sermone. Ho iniziato a leggere diligentemente la piccola Bibbia che mi è stata data. Ogni volta che avevo domande, chiedevo ai miei genitori adottivi, e le loro risposte erano sempre semplici e di buon senso. Mi hanno insegnato come trovare le risposte nella Bibbia e come usarla per essere certo che gli insegnamenti che mi venivano dati fossero coerenti con quelli della Parola di Dio.

LA BIBBIA ERA L’AUTORITÀ FINALE, PIÙ PROFONDA E PIÙ SAGGIA DI INTERNET E PIÙ SINCERA DI TUTTI I MIEI AMICI.

In poco tempo, iniziai a vivere la mia fede in un modo più intenso. La mia nuova famiglia chiama il cristianesimo la “religione dell’uomo pensante”. Mi hanno incoraggiato a porre domande, cercare risposte e lottare davvero per ciò in cui credo. Per tutto il tempo, osservavo come vivevano le loro vite, prendendo nota di come spendevano il loro tempo e denaro. Hanno lavorato sodo, hanno sempre fatto il possibile per aiutare gli altri e hanno fatto ogni sforzo per resistere all’immoralità. Sapevo di volere il tipo di vita semplice, contenta e timorata di Dio che avevano loro.

IL DIO DI TUTTO

Le persone nel mondo degli scacchi a volte vogliono sapere se penso che Dio mi faccia vincere delle partite. Io rispondo di sì.

E a volte mi fa perdere. È il Dio degli scacchi e, soprattutto, il Dio di tutto. Che io vinca o perda, gli do la gloria. Certo, è difficile quando non ottengo ciò che voglio, come lo è per ogni bambino il cui padre dice di no. Ma anche quando non capisco le vie di Dio, sono fiducioso che la sua visione sia molto più grande della mia.

Invece di preoccuparmi del futuro, cerco di concentrarmi sul lavoro che Dio mi ha concesso di fare adesso. In questo momento sono gli scacchi, quindi mi ci dedico diligentemente e gioco nel miglior modo possibile. Mi impegno affinché io possa diventare il campione del mondo un giorno? Solo Dio lo sa per certo. Nel frattempo, so che è un padre generoso e amorevole, che mi inonda sempre di più benedizioni di quanto potrei meritare. Mi accontento di giocare una partita alla volta e di essere grato per il mio pane quotidiano.

 

 

Tratto da: christianitytoday.com

 

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box