É MORTO REINHARD BONNKE,“IL BILLY GRAHAM DELL’AFRICA”

É MORTO REINHARD BONNKE,“IL BILLY GRAHAM DELL’AFRICA”

Fondatore di Christ for All Nations, il pentecostale tedesco ha realizzato una delle più grandi crociate evangelistiche della storia.

L’evangelista tedesco Reinhard Bonnke, le cui crociate da record lo hanno portato a essere soprannominato “il Billy Graham dell’Africa”, è morto sabato all’età di 79 anni.

Grazie al suo ministerio (iniziato nel 1967 fino al suo ritiro nel 2017), Christ for All Nations (CfaN), più di 79 milioni di persone sono venute a Cristo. L’evangelista pentecostale ha predicato un messaggio potente sul potere trasformatore di Cristo e della preghiera. Inoltre Dio si è servito di lui per operare numerose guarigioni e miracoli.

Coloro che lo hanno conosciuto fuori dal pulpito possono testimoniare della sua integrità personale e dell’amore traboccante per il Signore”, ha detto il suo successore, l’evangelista della CfaN Daniel Kolenda.

Il suo ministerio è stato ispirato e sostenuto dalla sua ricca vita di preghiera, dalla sua profonda comprensione della Parola e dalla sua incessante intimità con lo Spirito Santo”.

Ricordiamo quando ha organizzato uno straordinario evento dove 1,6 milioni di persone si sono riunite in una sola notte per ascoltarlo predicare a Lagos, in Nigeria.

Bonnke, è stato definito “una delle figure religiose più autorevoli del continente africano”.

Gli storici hanno affermato che nessun evangelista occidentale ha trascorso tanto tempo nell’Africa sub-sahariana come Bonnke.

Dopo la sua morte, molti cristiani africani hanno espresso le loro condoglianze su Twitter: “L’Africa non ti dimenticherà mai”.

Un portavoce del governo della Nigeria ha dichiarato che il presidente Muhammadu Buhari, che è musulmano, “si unisce alla cristianità in lutto per la scomparsa del rinomato evangelista, Reinhard Bonnke, 79 anni, descrivendo la sua dipartita come una grande perdita per la Nigeria, l’Africa e il mondo intero”.

Il politico keniota Esther Passari ha raccontato: “Ho parlato per la prima volta in lingue alla crociata del Rev. Reinhard Bonnke del 1988. Mi prese dalla folla e organizzò un incontro in cui ha pregato che Dio mi usasse. Mando le mie condoglianze alla sua famiglia e alla sua congregazione. Riposa in pace, uomo di Dio”.

Terminate le sue crociate, l’evangelista era un pastore premuroso; il suo obiettivo era semplice: conquistare il cuore dell’Africa per Cristo.

All’inizio del suo ministerio ha guidato una congregazione nella Germania settentrionale, poi è diventato missionario nella piccola nazione del Lesotho nell’Africa meridionale. Lì, lo Spirito gli ha dato una visione del continente africano “lavato nel sangue di Gesù”.

Successivamente ha fondato CfaN nel 1974.

Solo negli ultimi anni di ministerio ha organizzato crociate negli Stati Uniti.

Nel 2013 ha detto: “Alcune persone mi chiamano evangelista delle guarigioni. Non mi piace. Mi definisco un evangelista della salvezza che prega anche per i malati. Ovunque andiamo, il 95 percento dell’incontro è incentrato in un chiaro messaggio di predicazione del Vangelo”.

“Billy Graham mi ha ispirato personalmente”, ha scritto Bonnke su Facebook dopo la morte di Graham nel 2018.

Brian Houston, pastore degli Hillsong, ha citato Bonnke come fonte di ispirazione, dicendo: “Adoro il modo in cui la salvezza risuonava nel suo spirito, sia che si trovasse su un palco e parlasse a milioni di persone o dietro le quinte: Gesù è sempre stato sulle sue labbra”.

Bonnke è stato l’autore di 40 libri e ha scritto la sua autobiografia del 2009, Living a Life of Fire.

È morto a casa, circondato dalla famiglia: la moglie, tre figli e otto nipoti.

 

Tratto da: christianitytoday.com
I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box