Browsed by
Categoria: TESTIMONIANZE

“UNA PROFESSORESSA DEL MIT INCONTRA L’AUTORE DI TUTTE LE COSE

“UNA PROFESSORESSA DEL MIT INCONTRA L’AUTORE DI TUTTE LE COSE

Immagine: Ken Richardson (Parte 1-5) Pensavo che le persone religiose fossero degli ignoranti. Poi sono diventata intelligente e ho dato una possibilità a Dio. Fin dalle elementari, quando ero una vorace lettrice e una studentessa modello, mi consideravo intelligente e credevo che le persone intelligenti non avessero bisogno della religione. Di conseguenza, mi sono subito dichiarata atea e ho respinto le persone che credevano in Dio in quanto ignoranti. Al liceo, ho guidato una squadra di dibattito sostenendo una forma…

Leggi tutto Leggi tutto

CRISTO MI HA CHIAMATO FUORI DAL MINARETO …

CRISTO MI HA CHIAMATO FUORI DAL MINARETO …

(Parte 1-6) Immagine: foto di Howard Korn “Allahu Akbar. Rendo testimonianza che non c’è altro dio che Allah. Rendo testimonianza che Maometto è il messaggero di Allah”. Queste sono le prime parole della chiamata musulmana alla preghiera. Sono state anche le prime parole che mi sono state pronunciate. Poco dopo la mia nascita, mi è stato detto che mio padre li recitava dolcemente al mio orecchio, come suo padre aveva fatto per lui e come tutti i miei antenati avevano…

Leggi tutto Leggi tutto

ERO UNA GUARITRICE NEW AGE. POI HO CAPITO CHE NON ERO IO A CURARE.

ERO UNA GUARITRICE NEW AGE. POI HO CAPITO CHE NON ERO IO A CURARE.

Immagine: Rob Durston Come e perché una maestra di Reiki ha rinunciato al suo mestiere per seguire Gesù. Fin da bambina, saltellando lungo la riva del torrente fino alla casa dei miei nonni, sentivo di poter percepire (e a volte vedere) quello che si potrebbe definire il mondo invisibile o spirituale. A volte questo mondo era dolce come la meraviglia infantile di sapere dove fosse nascosto un tesoro segreto; altre volte, un minaccioso pensiero mi avvertiva che ero in una…

Leggi tutto Leggi tutto

LA MIA DIPENDENZA DA COCAINA STAVA UCCIDENDO I MIEI SOGNI NELLA NFL

LA MIA DIPENDENZA DA COCAINA STAVA UCCIDENDO I MIEI SOGNI NELLA NFL

Immagine: per gentile concessione di Damien Noble Come ho trovato un potere più grande della polvere bianca che mi aveva reso schiavo. “Non accostare la polvere al naso”, dissi mentre mi guardavo allo specchio. Non farlo!”. Ma immediatamente ho visto la mia immagine scomparire dallo specchio mentre mi chinavo e ne prendevo un’altra dose dal tavolo. Le sostanze chimiche della cocaina si intrecciavano nel mio corpo mentre combattevano contro i sensi di colpa della mia coscienza. Avrei voluto urlare a…

Leggi tutto Leggi tutto

GRAVIDANZA NON PIANIFICATA, GRAZIA NON PIANIFICATA

GRAVIDANZA NON PIANIFICATA, GRAZIA NON PIANIFICATA

Immagine: Peter Murphy Inginocchiandosi al suo capezzale dopo tre anni di conflitti familiari, mia madre mi ha consegnato in preghiera a Gesù. Mentre era ancora lì, il telefono squillò. Ero appena stata arrestata per aver fumato hashish nel parcheggio di una banca mentre un mio amico stava cercando di incassare un assegno rubato. Mi stavo sballando mentre commettevo una frode bancaria. È così stupido che fossi così stupida all’età di 16 anni. Mia madre fu sollevata, non per l’arresto, ma…

Leggi tutto Leggi tutto

ERO ALLA RICERCA DELLA MIA DISCENDENZA EBRAICA. LUNGO LA STRADA HO TROVATO IL MESSIA

ERO ALLA RICERCA DELLA MIA DISCENDENZA EBRAICA. LUNGO LA STRADA HO TROVATO IL MESSIA

Immagine: per gentile concessione di Anatoli Uschomirski / Immagine di Mallory Rentsch Mi sono scontrato per la prima volta con l’odio verso gli ebrei a Kiev, capitale dell’Ucraina, quando avevo 11 anni nel 1969. Senza alcuna provocazione da parte mia, due ragazzi mi hanno chiamato sporco ebreo nel corridoio della mia scuola. Schernendomi, mi hanno preso a pugni in faccia e sul corpo e mi hanno buttato a terra. Tornando a casa piansi. Incidenti come questi mi hanno portato a…

Leggi tutto Leggi tutto

LA SFURIATA CHE MI HA RESO CRISTIANA

LA SFURIATA CHE MI HA RESO CRISTIANA

Immagine: foto di Kenny Wong Posso ancora sentire l’odore dell’incenso. Mio padre ne accendeva tre bastoncini, li appoggiava in una ciotola di riso crudo, si inginocchiava e si inchinava finché la sua fronte non toccasse terra. Si inchinava tre volte – lentamente, con riverenza – e la stanza diventava cupa e silenziosa. Ricordo che osservavo il fumo arricciarsi nell’aria e scomparire nelle luci della sala da pranzo. Piatti delle nostre prelibatezze cinesi preferite riempivano il tavolo da pranzo. Mi viene…

Leggi tutto Leggi tutto

Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box