GLI ARCHEOLOGI ISRAELIANI TROVANO IL PRIMO TESSUTO PORPORA RISALENTE ALL’EPOCA DEL RE DAVID

GLI ARCHEOLOGI ISRAELIANI TROVANO IL PRIMO TESSUTO PORPORA RISALENTE ALL’EPOCA DEL RE DAVID

Immagine: Tessuto: foto di Dafna Gazit, per gentile concessione della Israel Antiquities Authority / Lavoratori: foto di Hai Ashkenazi, per gentile concessione del Central Timna Valley Project / RNS

I ricercatori hanno ricreato l’antico processo di tintura con i molluschi.

Il colore porpora ricorre più volte nella Bibbia, di solito per descrivere il colore di una veste di uno dei re dell’antico Israele. Ma il ritrovamento di un autentico manufatto tinto del colore reale dei tempi del re Davide si è qualcosa che non ha precedenti.

Alcuni ricercatori dell’Autorità israeliana per le antichità, dell’Università Bar Ilan e dell’Università di Tel Aviv hanno affermato di aver identificato pezzi di tessuto tinti di “porpora vero” risalenti al X secolo a.C., quando la Bibbia ebraica dice che Davide e Salomone governavano a Gerusalemme.

“Questo è il primo pezzo di tessuto mai trovato dai tempi di David e Salomone tinto con la prestigiosa tintura porpora”, ha dichiarato Naama Sukenik, responsabile del materiale organico presso l’Autorità israeliana per le antichità.

I tre lembi sono stati tra i tanti scoperti dagli archeologi negli ultimi anni nella Valle del Timna, il sito protagonista di una vasta e antica operazione di estrazione del rame nel sud di Israele. La datazione diretta al carbonio ha rivelato che i tessuti risalgono a circa il 1000 a.C.

Timna faceva probabilmente parte del regno di Edom, confinante a sud con il regno di Israele. Il Libro di Samuele racconta come Davide e il suo esercito combatterono e conquistarono gli edomiti.

L’Antico e il Nuovo Testamento descrivono che Davide, Salomone e i sacerdoti del Tempio ebraico, così come Gesù alcuni secoli dopo, indossassero tutti abiti porpora e, secondo fonti antiche, tali tessuti erano non solo molto apprezzati ma anche un simbolo di nobiltà.

Sukenik ha dichiarato che la stragrande maggioranza degli antichi tessuti ritrovati dagli archeologi di tutto il mondo sono tinti con colori vegetali. Ma i coloranti purpurei ritrovati nella Valle del Timna provengono da un’altra fonte: le secrezioni dei molluschi.

“L’uso di coloranti di origine animale è considerato molto più prestigioso e rappresentava un importante indicatore per l’elevato status economico e sociale di chi lo indossa”.

I resti della stoffa tinta di porpora che gli archeologi hanno riportato alla luce a Timna “non sono solo i più antichi in Israele, ma nel Levante meridionale in generale”, ha detto. Gli unici altri veri tessuti tinti di porpora ritrovati nella regione erano del periodo romano: due da Masada e tre da una grotta nel deserto della Giudea.

Per determinare quali specie di molluschi hanno prodotto i coloranti trovati sui tessuti Timna e come siano state create le varie tonalità, i ricercatori hanno identificato alcune molecole appartenenti a particolari specie di molluschi marini.

Zohar Amar, professore dell’Università Bar Ilan, si è recato in Italia, dove i molluschi sono un piatto amato e quindi se ne trovano in abbondanti quantità, per aiutare a ricostruire la precisa origine dei coloranti. Il processo “ci ha portato indietro di migliaia di anni e ci ha permesso di comprendere meglio le lacunose fonti storiche associate ai preziosi colori dell’azzurro e del porpora” ha detto Amar.

I ricercatori, che hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista PLOS ONE, ritengono che per produrre i vivaci coloranti porpora e azzurro ( tekhelet ) indossati da re Davide e Gesù, i tintori dell’era biblica dovevano estrarre piccole quantità di colorante da migliaia di molluschi e quindi esporli a quantità variabili di luce. Una esposizione alla luce intensa produce l’azzurro mentre con una luce meno intensa si ottiene il porpora.

La scoperta di tessuti antichi realizzati con materiali organici deperibili come la lana è estremamente rara perché si decompongono rapidamente. Le condizioni aride a Timna hanno preservato i tessuti.

Come risultato del clima secco della regione “siamo in grado di recuperare materiali organici come tessuti, corde e pelle dall’età del ferro, dai tempi di Davide e Salomone, fornendoci uno sguardo unico sulla vita nei tempi biblici” ha detto Erez Ben-Yosef, archeologo dell’Università di Tel Aviv. “Lo stato di conservazione a Timna è eccezionale”.

La ricerca a Timna ci ha mostrato che anche se non vi sono edifici, c’erano re nella nostra regione che governavano società complesse, formavano alleanze e relazioni commerciali e si facevano guerra a vicenda; una società nomade che non era misurata in palazzi e monumenti di pietra, ma in oggetti che erano apprezzati all’epoca.

Ben-Yosef ha detto che questa intuizione può essere applicata al regno di David, che gli archeologi continuano a cercare. Molti credono che gli scavi condotti vicino alla Città Vecchia di Gerusalemme abbiano portato alla luce il palazzo reale. Altri sono meno sicuri.

Se gli edifici ritrovati a Gerusalemme sono stati costruiti da qualcuno diverso da David, non c’è bisogno di abbattersi, ha detto Ben-Yosef. “La ricchezza di una società nomade non si misurava in palazzi e monumenti di pietra, ma in cose, come il possedere vesti e drappi color porpora”.

“David potrebbe non aver espresso la sua ricchezza in splendidi edifici”, ha aggiunto, “ma con oggetti più adatti alla vita da nomade come tessuti e manufatti. È sbagliato presumere che se non sono stati trovati grandi edifici e fortezze, le descrizioni bibliche della Monarchia Unita a Gerusalemme devono essere considerati una finzione letteraria”.

 

Tratto da: christianitytoday.com
close
I commenti sono chiusi.
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box