PORTE APERTE “ASIA: VACCINI E CHIESA PERSEGUITATA”

PORTE APERTE “ASIA: VACCINI E CHIESA PERSEGUITATA”

NELLA FOTO: Distribuzione degli aiuti in India

Tra la speranza e la paura le campagne di vaccinazione contro il Covid-19 in tutta l’Asia influenzano la Chiesa perseguitata.

Mentre i paesi asiatici si affrettano a mettere le mani sui vaccini per porre fine alla devastante pandemia da Covid-19, la Chiesa perseguitata si fa coraggio e spera nel Signore. I vaccini sono affidabili ed efficaci? E gli effetti collaterali? Riceveremo il vaccino o verremo ignorati? Queste sono solo alcune delle domande con cui i cristiani perseguitati lottano quotidianamente. Ma una cosa è chiara: il Covid ha amplificato le dinamiche persecutorie.

“Il vaccino dovrebbe essere un punto di svolta per le chiese”, dice Ina, collaboratrice di una chiesa indonesiana. Il suo Paese ha registrato oltre 860.000 infezioni da Covid-19. “Molte chiese nel mio paese potrebbero non sopravvivere alla pandemia. Partecipare fisicamente alla vita della chiesa è molto importante per il cammino di fede dei credenti, specialmente quelli che non hanno accesso a internet come le persone in aree remote, nei villaggi o coloro che non possono permettersi di pagare un abbonamento durante questa pandemia. Si tratta di una grossa fetta di cristiani privati del sostegno e dell’incoraggiamento durante questa stagione difficile. Una volta tolte le restrizioni nel nostro Paese, potremo finalmente riprendere i contatti con loro”, ha concluso Ina.

Vaccino per tutti?

La crisi legata al coronavirus ha amplificato alcune dinamiche persecutorie durante l’arco del 2020. In Asia centrale, i cristiani che provengono da un contesto musulmano non hanno ricevuto aiuti vitali da parte delle loro stesse famiglie e le autorità indiane hanno ignorato i cristiani nella distribuzione degli aiuti.

I cristiani in Bangladesh sono preoccupati “poiché il Bangladesh ha una popolazione enorme ma poca manodopera e non è ancora chiaro come sarà effettuato il programma di vaccinazione. Potrebbe esserci discriminazione nella selezione di chi vaccinare, soprattutto se il processo viene affidato ai leader locali. I cristiani potrebbero essere ignorati intenzionalmente ma speriamo che ciò non accada”, ha condiviso Omar, partner locale della nostra missione.

La pressione legata alla pandemia nel 2021.

I collaboratori di Porte Aperte in Asia chiedono preghiera in quanto la pressione sulla Chiesa in tempo di pandemia rimane enorme. Le squadre dei nostri partner locali continuano a fornire cibo e altri aiuti vitali ai perseguitati più vulnerabili, mentre cerchiamo il modo per passare dal fornire aiuti emergenza ad avviare progetti per la generazione di reddito. Abbiamo inoltre sviluppato nuovi metodi per distribuire Bibbie e materiale cristiano e per offrire formazione ai cristiani locali.

“Le campagne di vaccinazione offrono speranza di miglioramento della vita dei cristiani perseguitati, sperando che i vaccini prodotti in Asia siano affidabili e ben distribuiti”, afferma Jan Vermeer, Direttore della comunicazione per Porte Aperte in Asia, “allo stesso tempo, molte comunità cristiane si trovano ancora in grande difficoltà. Nonostante le nostre squadre corrano rischi elevati per portare loro gli aiuti, non possiamo smettere ora. Il nostro obiettivo è che nessun perseguitato si senta solo e che possa essere una testimonianza nella propria comunità. Vi chiediamo di continuare a stare al nostro fianco, per permetterci di proseguire in questo vitale lavoro”.

Porte Aperte Italia

SOSTIENI UNO DEI NOSTRI SEMINARI DI PREPARAZIONE ALLA PERSECUZIONE

Il coronavirus è un’emergenza globale, ma per milioni di cristiani essa si aggiunge alla persecuzione! 

Dona 35 euro per fornire pacchi viveri, medicine, coperte e sostegno di prima necessità a perseguitati in varie regioni.

close
I commenti sono chiusi.
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box