PREGHIERE AUDACI DAI CUORI ARRESI

PREGHIERE AUDACI DAI CUORI ARRESI

Quale incredibile autorità ci è stata data nella preghiera. Come usiamo esattamente questa autorità? Attraverso il nome stesso di Cristo. Vedete, quando abbiamo riposto la nostra fede in Gesù, ci ha dato il suo nome.

Puoi capire perché la frase “nel nome di Cristo” non è solo una formula impersonale. Piuttosto, è una posizione letterale che abbiamo con Gesù.

Quella posizione è riconosciuta dal Padre. Gesù ci dice: “In quel giorno chiederete nel mio nome; e non vi dico che io pregherò il Padre per voi; poiché il Padre stesso vi ama, perché mi avete amato e avete creduto che sono proceduto da Dio” (Giovanni 16:26-27).

Ecco perché Gesù ci comanda di pregare nel suo nome. Sta dicendo: “Ogni volta che chiedi nel mio nome, la tua richiesta ha lo stesso potere ed effetto presso il Padre come se fossi io a chiederglielo“.

Allo stesso modo, quando imponiamo le mani sui malati e preghiamo, Dio ci vede come se Gesù stesse imponendo le mani sui malati per portare la guarigione.

Anche per questo dobbiamo accostarci con audacia al trono della grazia: ricevere. Dobbiamo pregare con fiducia: “Padre, io sto davanti a te, scelto in Cristo per andare avanti e portare frutto. Ora chiedo che la mia gioia sia completa”.

Sento molti cristiani dire: “Ho chiesto nel nome di Gesù, ma le mie preghiere non sono state esaudite”. Questi credenti affermano: “Ho cercato di rivendicare il potere nel nome di Gesù, ma semplicemente non ha funzionato per me”.

Ci sono molte ragioni per cui non riceviamo risposte alle nostre preghiere. Potremmo aver permesso qualche peccato nella nostra vita, qualcosa che contamina la nostra unione con Cristo. Questi diventano blocchi stradali che arginano il flusso di benedizione da lui. Non risponderà alle nostre preghiere finché non avremo abbandonato il nostro peccato.

Forse il blocco è dovuto alla tiepidezza o all’indifferenza verso le cose di Dio.

Forse siamo soffocati dal dubbio, che ci taglia fuori dal potere in Cristo.

Giacomo avverte: “Ma la chieda con fede, senza dubitare; perché chi dubita rassomiglia a un’onda del mare, agitata dal vento e spinta qua e là. Un tale uomo non pensi di ricevere qualcosa dal Signore” (Giacomo 1:6-7).

Dio conosce i nostri cuori e sa quando siamo indecisi nel nostro impegno con suo Figlio. Egli riserva il potere che è in Cristo per coloro che si arrendono completamente a lui.

David Wilkerson

close
I commenti sono chiusi.
Se sei interessato ad un articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Lo Staff Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box