Sfogliato da
Tag: digiuno

PORTE APERTE “CINA: PERSEGUITATI CHE PREGANO PER I PERSEGUITATI”

PORTE APERTE “CINA: PERSEGUITATI CHE PREGANO PER I PERSEGUITATI”

NELLA FOTO: Una chiesa domestica cinese impegnata a pregare per i perseguitati Lo scorso luglio è stato commemorato il 100° anniversario del partito comunista cinese. Da allora, le autorità si sono in più occasioni rivolte ai pastori e ai leader di chiesa “chiedendo” di esercitare la propria fede con più discrezione. Sono molti i cristiani locali che hanno quindi scelto di pregare e digiunare per la situazione della Chiesa in Cina. “Per i cristiani ‘comuni’, non sottostare alle restrizioni richieste…

Leggi tutto Leggi tutto

HAI BISOGNO DI FORZA?

HAI BISOGNO DI FORZA?

 “Il digiuno di cui mi compiaccio non è forse questo: spezzare le catene della malvagità, sciogliere i legami del giogo rimandare liberi gli oppressi, spezzare ogni giogo?” (Isaia 58:6). Dio sta dicendo che il digiuno che egli approva parte dal nostro cuore. Dobbiamo prendere posizione per ricevere qualcosa di soprannaturale da Dio, libertà dall’oppressione e da legami di ogni tipo. Quando i credenti cominciano un periodo di digiuno, dovrebbero preparare prontamente i loro cuori per ricevere l’intervento soprannaturale di Dio….

Leggi tutto Leggi tutto

PORTATI DA DIO NEL DESERTO

PORTATI DA DIO NEL DESERTO

(parte 1) MATTEO 4:1-11 1 Allora Gesù fu condotto dallo Spirito su nel deserto, per esser tentato dal diavolo. 2 E dopo che ebbe digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. 3 E il tentatore, accostatosi, gli disse: Se tu sei Figliuol di Dio, di’ che queste pietre divengan pani. … Gesù fu condotto dallo Spirito su nel deserto, per esser tentato dal diavolo. Questo evento avviene subito dopo che Gesù è stato battezzato da Giovanni Battista…

Leggi tutto Leggi tutto

Massacri

Massacri

 Demos Shakarian racconta che la ricezione del battesimo con lo Spirito Santo fu l’inizio di grandi cambiamenti nella famiglia Shakarian e che uno dei primi cambiamenti fu il cambiamento di attitudine verso il più famoso cittadino di Kara Kala di quel tempo. “Questa persona era conosciuta in ogni parte della regione come il “Ragazzo Profeta” nonostante al tempo dell’episodio con la testa del giovenco il Ragazzo Profeta avesse cinquantotto anni. Il vero nome dell’uomo era Efim Gerasemovitch Klubniken, e aveva…

Leggi tutto Leggi tutto

Se sei interessato ad un articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Lo Staff Grazie