COMPASSION PANDEMIA COVID-19: SEI MESI DOPO

COMPASSION PANDEMIA COVID-19: SEI MESI DOPO

In questo momento, la mancanza di cibo rappresenta una delle emergenze a cui dare risposta urgente. Secondo il World Food Programme, tra gli effetti della pandemia vi è l’aumento esponenziale di persone che soffrono la fame – circa 250 milioni di persone in più entro la fine dell’anno.

E secondo la rivista medica Lancet, la maggiore malnutrizione rischia di causare, ogni mese, 10.000 vittime tra i bambini più poveri.

La rete internazionale di Compassion, grazie alla collaborazione di 8.000 chiese locali, ha distribuito oltre 6,4 milioni di kit alimentari a bambini e famiglie – dall’inizio dell’emergenza COVID-19 a oggi.

I kit di scorte alimentari, che includono alimenti non deperibili come riso, legumi, farina, olio e altri beni di prima necessità, vengono distribuiti alle famiglie nei 25 Paesi in cui Compassion è presente con il programma di sostegno a distanza.

Le restrizioni causate dalla pandemia, con conseguenti temporanee chiusure di scuole e centri, hanno costretto Compassion ad adattare le proprie attività per rispondere ai bisogni dei bambini in modo unico e rinnovato.

Attraverso visite nelle case dei bambini, sempre rispettando le norme del distanziamento fisico, operatori e volontari locali continuano a fornire aiuto e supporto ai bambini, in un momento in cui c’è ancora più bisogno.

Oltre alle scorte alimentari, i nostri operatori hanno consegnato quasi 4,2 milioni di kit sanitari, con sapone, disinfettante per le mani, shampoo, salviette e altri articoli per l’igiene – offrendo inoltre supporto medico, garantendo visite e cure mediche a oltre 325.000 bambini sostenuti.

Nelle famiglie dei bambini più poveri, molti genitori hanno perso i loro lavori a causa della pandemia.

Per le famiglie vulnerabili che lottano ogni giorno per poter avere da mangiare, una mascherina o un disinfettante per le mani sono un lusso che non possono permettersi.

Nelle regioni in cui la l’acqua è scarsa e il lavaggio frequente delle mani è difficile, il gel disinfettante è ancora più importante.

Un gruppo di papà rimasti senza lavoro hanno seguito un corso di formazione su come produrre disinfettante per le mani, dopodiché hanno iniziato la produzione e distribuzione a bambini e famiglie.

Per Joseph, uno dei papà coinvolti, questa attività ha dato speranza in un momento difficile.

“Prima della pandemia COVID-19 c’era scarsa igiene, non c’erano servizi igienici, ma da quando ho imparato a produrre l’igienizzante, anche la mia famiglia può essere protetta. Questo ha migliorato il livello di igiene di tutti noi”.

Sidney Muisyo, vicepresidente del programma globale di Compassion, ha dichiarato:

“Crediamo che Dio stia ispirando ognuno di noi a portare luce e speranza in questo periodo cupo. Per offrire supporto fisico, emotivo e spirituale ai bambini bisognosi”. E dopo sei mesi dall’inizio della pandemia, Muisyo aggiunge: “Col passare del tempo, mentre gli effetti della pandemia diventeranno progressivamente più visibili, la necessità di portare aiuto aumenterà drammaticamente. E noi di Compassion siamo e saremo attivi”.

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box