PORTE APERTE “ERITREA: IL CARCERE NON CORROMPE LA FEDE”

PORTE APERTE “ERITREA: IL CARCERE NON CORROMPE LA FEDE”

NELLA FOTO: Incontro di preghiera segreto in Eritrea

La liberazione di 20 cristiani eritrei aiuta a non dimenticare le altre migliaia di persone ancora detenute a motivo della fede in Gesù.

Il 9 settembre scorso, il governo eritreo ha rilasciato su cauzione 20 cristiani dopo anni di reclusione. Tale decisione potrebbe essere collegata all’emergenza Covid-19.

L’Eritrea è al 6° posto della World Watch List, il nostro report annuale sulla persecuzione dei cristiani nel mondo. Nel Paese, migliaia di cristiani sono stati imprigionati per aver infranto una legge del 2002 che vieta ogni forma di culto al di fuori dell’islam sunnita e del cristianesimo ortodosso, cattolico e luterano.

Shiden (pseudonimo), un cristiano locale, è stato arrestato insieme a una quarantina di altri cristiani durante un incontro segreto e ha trascorso più di 10 anni in 3 diverse carceri, esposto al caldo torrido, alla mancanza di igiene e a regolari pressioni per rinunciare alla fede e porre fine alle sue sofferenze. MA EGLI SI È RIFIUTATO DI CEDERE.

Per una volta al giorno una tazza di tè e una fetta di pane gli sono stati passati attraverso una fessura nella porta, mentre si domandava se qualcuno fosse a conoscenza della sua condizione. Alla fine, inaspettatamente e senza alcuna spiegazione, Shiden è stato rilasciato e rimandato a casa dalla sua famiglia.

“Quando è stato rilasciato era molto, molto magro… balbettava quando parlava”, ci ha detto sua madre.

Dopo il suo rilascio, Shiden ha attraversato un periodo di profonda depressione al pensiero del lungo periodo trascorso in prigione, non rendendosi ancora conto dell’importanza di quegli anni.

L’apostolo Paolo, durante il suo periodo di prigionia per il Vangelo, scrisse: “Ma ciò che per me era un guadagno, l’ho considerato come un danno, a causa di Cristo“ – Filippesi 3:7.

Preghiamo affinché questa affermazione diventi realtà per Shiden.

“Voglio servire il Signore fino alla morte, riceverò la corona di giustizia che mi è riservata e che il Signore mi donerà un giorno”, ha riportato John riguardo ciò che ha affermato suo fratello Shiden. Nonostante tutte le difficoltà la fede di questo cristiano si è rafforzata.

Porte Aperte collabora con i cristiani eritrei dagli anni ’90 e desidera che la comunità cristiana locale possa rafforzarsi nella fede per essere sempre più resistente e in grado di rispondere biblicamente alla persecuzione.

Porte Aperte Italia

SOSTIENI UNO DEI NOSTRI

SOSTIENI UNO DEI NOSTRI SEMINARI DI PREPARAZIONE ALLA PERSECUZIONE

In molti paesi la persecuzione è in crescita e raggiunge livelli di oppressione insopportabili. In altri non è ancora esplosa, ma vi sono elementi e fenomeni che ne presagiscono un’escalation.

Porte Aperte riconosce da anni la necessità di rafforzare i cristiani che affrontano queste “tempeste” o di prepararli per quelle che sono all’orizzonte. Il seminario è stato studiato appositamente per dare loro forza, coraggio e motivazione, con un’attenzione particolare ai leader delle comunità, spesso i più bersagliati.

Secondo le nostre ricerche sul campo, non solo l’estremismo islamico ma anche il nazionalismo indù e buddista rappresentano una costante minaccia alla libertà religiosa dei cristiani.

Con un dono di 60 euro puoi permettere a un cristiano in India e in altri paesi dell’Asia di partecipare a un singolo seminario.

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box