PREGO PER I RIFUGIATI PERCHÉ ERO UNA DI LORO

PREGO PER I RIFUGIATI PERCHÉ ERO UNA DI LORO

E Dio è stato fedele.

Come “gettando tutte le preoccupazioni su di Lui” ha portato questa ragazza di etnia Karen dalla Birmania in America.

 

Ho camminato per nove giorni con le pantofole nella foresta più fitta.Mio padre trasportava tutto il cibo.Mia madre portava mio fratello di un anno.Gli altri miei fratelli più piccoli dovevano camminare da soli.

Io ho trasportato tutte le pentole, alcune coperte e vestiti.Dopo sette giorni, raggiungemmo il fiume Tenasserim che attraversammo con una grande barca.Stavamo salendo rapidamente la montagna quando sentito di nuovo gli spari.Ho scalato la montagna il più velocemente possibile.Quando ho raggiunto la cima, ho messo giù tutte le mie cose e sono tornata dai miei genitori e ho preso mio fratello minore.

L’ho portato sulle spalle;si tenne stretto al mio collo per tutto il tempo in cui risalii la montagna.

Da quando ero una bambina, il mio verso biblico preferito è stato 1 Pietro 5: 7–9:

gettando su lui ogni vostra sollecitudine, perch’Egli ha cura di voi. Siate sobri, vegliate; il vostro avversario, il diavolo, va attorno a guisa di leon ruggente cercando chi possa divorare. Resistetegli stando fermi nella fede, sapendo che le medesime sofferenze si compiono nella vostra fratellanza sparsa per il mondo.” (Versione Luzzi).

Quando soffriamo come figli di Dio, sappiamo di non essere soli. Egli è con noi e i nostri fratelli e sorelle di tutto il mondo sono con noi in preghiera e in opere di solidarietà. Ciò attesta che viviamo secondo l’amore di Dio.

Ad un certo punto mentre ero stremata dal peso di mio fratello mentre scalavo la montagna, dissi tra me e me: “Sunday, non puoi morire qui.Devi finire il liceo, andare al college, parlare a nome della tua gente e dire al mondo cosa stai passando qui e chi sei”.

Vorrei raccontarvi chi sono… è ciò che Dio ha fatto per me.

Sono nata in Birmania, ma non sono birmana.Sono di etnia Karen, una delle oltre 10 minoranze etniche in Birmania.I Karen sono uno dei più grandi gruppi tra i due milioni di sfollati dalla Birmania a causa di conflitti etnici.Parliamo e scriviamo una lingua diversa.Quando ero una bambina e mi spostavo da un posto all’altro ogni giorno nella giungla, tutto ciò che desideravo e per cui pregavo era di avere del cibo per il giorno successivo, studiare in una scuola e avere un posto sicuro dove vivere.

Credo che la preghiera sia la trachea del respiro di un cristiano. Da quando ho imparato a parlare, mia madre mi ha insegnato a pregare, prima di mangiare, prima di andare a dormire e la mattina appena sveglia. Ho imparato a memoria i versetti della Bibbia e sono andata in chiesa ogni settimana ascoltando tutto ciò che veniva detto con molta attenzione.

 

(SECONDA PARTE)

I miei nonni non erano cristiani.I miei genitori sono diventati cristiani quando sono nata.Mio padre era segretario della chiesa e mia madre era responsabile del gruppo delle sorelle.Entrambi hanno cantato nel coro della chiesa.(Dopo che siamo fuggiti, mio ​​padre è diventato un pastore ordinato alla Karen Baptist Church di Logansport, Indiana. Dato che facciamo parte della denominazione Karen Baptist Churches negli Stati Uniti, dobbiamo viaggiare quasi ogni settimana per sposare le coppie e celebrare la cena del Signore. Quando viaggiamo, io mi occupo della scuola domenicale.)

I miei genitori hanno sempre ammirato l’amore per le Scritture che avevo sin da bambina. Quando ho ottenuto “primo posto” come studente modello durante le lezioni estive della Bibbia, non sono riuscita ad alzare il premio. Era una coppa enorme e troppo pesante per me così mio padre è saltato sul palco e mi ha preso in braccio sollevandomi per aria. Si è dimenticato di prendere anche il premio talmente era felice. Dovemmo tornare sul palco insieme mentre la folla ci applaudiva e rideva di noi.

Il luogo in cui sono nata e cresciuta non aveva elettricità, né ospedale, né ambulatori. L’intera area era il fulcro della rivoluzione Karen, devastata dopo anni di conflitto. Trasportavamo l’acqua dal fiume a casa nostra. Mangiavamo i frutti dei nostri alberi nella fattoria.

La prima volta che ho visto un film penso che di aver avuto cinque anni. Ero così eccitata e curiosa di stare con degli estranei nel campo di calcio del mio villaggio. C’era gente che scavava il terreno per collegare le linee elettriche; poi accesero una macchina che assomigliava ai motori delle barche degli abitanti del villaggio. Era un generatore di elettricità.

Hanno costruito due lunghe tettoie tagliando del bambù per fare le travi e le hanno coperte con un grande telo bianco. Aspettarono che arrivassero gli abitanti del villaggio e che scendesse la sera. Ho afferrato una foglia secca di una palma di betel su cui sedermi. Accesero la luce come un’enorme torcia che brillava sullo schermo. Era la prima volta che guardavo le storie bibliche dalla Genesi all’Apocalisse. Questi “sconosciuti” erano missionari giapponesi.

Per la quarta elementare i miei genitori mi mandarono in un’altra scuola di Karen. Temevo che non avrei superato l’esame finale. Di solito, la gente doveva ripeterlo molte volte per passare e alcuni hanno lasciato la scuola a quel punto perché scoraggiati. Dissi a Dio che se avessi superato l’esame di quarta elementare, mi sarei battezzata alla prima occasione. Quando ho saputo di aver superato l’esame, ho detto al mio insegnante che era anche un pastore che volevo essere battezzata.

I miei genitori mi dissero che ero troppo giovane e che dovevo aspettare. Non li ho ascoltati. Ho mantenuto la mia promessa a Dio e ho fatto come ho detto: mi sono battezzata.

Dopo aver finito la quarta elementare in quella scuola di Karen, i miei genitori mi hanno mandato in una scuola birmana molto lontano da casa mia in un villaggio chiamato “Città dell’amore”. Poiché i miei genitori erano estremamente poveri, non potevano sostenermi con del denaro. Ho alloggiato in casa di amici di miei genitori: la famiglia di un pastore. Mi occupavo delle loro mucche, facevo i lavori di casa e andavo in chiesa, mentre mi davano vitto e alloggio gratuiti. Non avevo soldi per comprare le cose di cui avevo bisogno per studiare o anche per gli spuntini. Avevo bisogno di trovare di un modo per guadagnare denaro e mi fidavo di Dio perché sapevo che lui avrebbe provveduto.

(TERZA PARTE)

Anche allora, ho creduto a ciò che dice la Bibbia sul donare al Signore. Qualunque cosa abbiamo, appartiene a Dio. Ho iniziato a pregare Dio. Se avessi avuto un lavoro in cui avrei potuto guadagnare soldi, ne avrei usata una parte per l’opera di Dio.

Dopo aver pregato, al mattino, la moglie di un pastore della Città dell’Amore mi chiamò a casa sua. Mi disse che se avessi trasportato l’acqua per le necessità della casa e lavato i vestiti della sua famiglia ogni fine settimana, mi avrebbe pagato. La prima volta che sono stata pagata, ho ricevuto 30 Kyat birmani ($ 5 USD), nel 1995 (da allora il valore del Kyat è sceso precipitosamente). Per me era tantissimo. Come ho promesso a Dio, ho dato sempre parte dei miei guadagni per Lui. A volte mi dava 40, 50 o 60 Kyat.

Un giorno un uomo d’affari del mio villaggio visitò la mia scuola e vide che ero una brava studentessa. Conosceva i miei genitori e sapeva che ero l’unica ragazza del mio villaggio in quella scuola. Mi ha chiesto di impegnarmi a fondo nei miei studi e mi ha dato 90 Kyat ($ 15 USD) in modo da avere una paghetta. Ha raccontato di me ai suoi amici e hanno anche inviato denaro, raggiungendo 200 Kyat (circa $ 35 USD).

Le parole di Dio sono vere. Egli è fedele.

Nel 1997, ero lontana da casa in un altro villaggio, e mentre stavo sostenendo il mio esame finale di quinta elementare abbiamo sentito degli spari in lontananza.

Circa un’ora dopo, il nostro preside ci ha chiesto di fermarci immediatamente e di tornare dalla nostra famiglia per la nostra sicurezza. Quando tornai a casa, la mia famiglia si era già nascosta nella foresta. Mio padre mi ha portato da mia madre e dai miei fratelli e sorelle più piccoli, e ogni giorno ci spostavamo da un posto all’altro per motivi di sicurezza.

Mi mancavano la mia scuola, i miei amici e i miei insegnanti e mi preoccupavo per loro. Un giorno, mentre ero nella giungla, ero seduta accanto al ruscello su una grande roccia e pulivo radici di zenzero. Ho detta tra me: “Sunday, non puoi fermarti solo alla quinta elementare; devi frequentare il liceo.” Ho pregato Dio per la mia educazione futura e per la nostra sicurezza.

Alcuni mesi dopo, l’esercito birmano arrivò e allestì il suo accampamento nel mio villaggio mentre vivevamo ancora nella foresta. Alcune famiglie tornarono al villaggio. Un capo villaggio venne da mio padre e disse che il generale birmano voleva incontrarlo immediatamente.

Abbiamo aspettato tutto il giorno che tornasse a casa. Fece ritorno a mezzanotte, ci svegliò e disse: “Non possiamo vivere qui; dobbiamo tornare nella giungla”.

Mio padre era stato accusato di possedere una mitragliatrice e i soldati la volevano. In realtà, aveva solo un fucile che usava per la caccia. Non credendogli, hanno minacciato di legarlo e torturarlo se non gli avesse consegnato la mitragliatrice che sospettavano avesse.

“Non possiamo vivere qui; dobbiamo tornare nella giungla”.

Siamo scappati nella giungla prima che ci potessero raggiungere. Da quel giorno non siamo più tornati al villaggio e gli accampamenti dell’esercito birmano sono ancora lì.

Ci siamo nascosti nella giungla per alcuni mesi. Altre famiglie di un altro villaggio vennero a vivere con noi. Insieme, eravamo circa 300 persone. Quindi, dovevamo affrontare un nuovo problema: il cibo. Se fossimo rimasti più a lungo, avremmo finito il cibo ed era troppo pericoloso per noi tornare al villaggio. Gli anziani decisero che avremmo viaggiato fino al confine per cercare rifugio in Tailandia. Non volevo andare. Mia madre disse: “Non esiste scuola in questa giunglaù”. Potrai avere la possibilità di andare a scuola nel campo profughi.

Dopo aver attraversato il fiume Tenasserim e oltrepassato le montagne, siamo arrivati ​​sani e salvi in ​​Thailandia in un campo di prima accoglienza. Alcune settimane dopo, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ci ha trasferito nel campo profughi di Tham Hin.

Viaggiammo su un camion. Ci è stato permesso di costruire la nostra casa di 7,5 metri quadrati, non di più. Il nostro tetto era di plastica nera. Non potevamo lasciare il campo. Dopo le 21:00, l’intero campo doveva essere silenzioso e tutte le luci dovevano essere spente. Ogni mese dovevo fare la fila per procurarmi il cibo al negozio.

Nel nostro campo vivevano circa 9.000 rifugiati. Altri nove campi profughi sono stati istituiti lungo il confine tra Thailandia e Birmania.

Ragazze Karen eseguono una danza tradizionale nel campo profughi durante una campagna per fermare la violenza contro le donne.

Non c’erano edifici scolastici. All’inizio, dovevamo studiare a casa del nostro insegnante, e talvolta nell’edificio della comunità. Prima che ottenessimo una donazione per la nostra scuola, uno dei nostri insegnanti (che ora è a St. Paul, Minnesota) usava pezzi di cartone e carbone per insegnare perché non avevamo gesso o lavagna. Le lezioni iniziavano alle 7 del mattino e dovevano terminare entro le 11 per permettere ad un’altra classe di entrare. Ogni anno riuscivamo ad ottenere materiale scolastico migliore e la costruzione dell’edificio andava sempre più ultimandosi. Ho finito il liceo nel 2003.

Quando ero al liceo, pregavo molto e leggevo la Bibbia ogni giorno prima di andare a dormire. Prima di diplomarmi, ho parlato di nuovo a me stessa: “Sunday non puoi passare la vita in un campo profughi. Questo non è il mondo reale”.

Vivere in un campo profughi era come essere rane o girini che vivono in un piccolo pozzo. Per loro è come un oceano. Sapevo che il mondo era là fuori; l’oceano era là fuori e io non vedevo l’ora di conoscerlo.

Ho pregato e cercato una via d’uscita dal campo profughi e ho iniziato a imparare a usare il computer, Internet, studiavo inglese e tanto altro con il mio gruppo di informazione Karen. Ho lasciato il campo illegalmente e sono stata arrestata due volte dalla polizia thailandese prima di arrivare a Chiang Mai, la seconda città più grande della Thailandia.

Mi sono iscritta a un corso di giornalismo a Chiang Mai. Qui ho incontrato mio marito. Era di un altro campo profughi e cercava di ottenere il diploma in un’altra scuola nella stessa città.

Dio mi ha dato anche più di quanto avessi chiesto. Ho un marito che ama e apprezza l’educazione, ama e si prende cura della famiglia, è gentile e aiuta tutti. Non guarda mai dall’alto in basso le persone. Non beve alcolici, non fuma, ama Dio ed è paziente. È una persona calma e tranquilla mentre io ho una personalità aperta, sono sempre in movimento e per nulla così silenziosa. Non posso mai ringraziare Dio abbastanza per avermi dato un marito così bravo.

Ci siamo sposati nel campo profughi il 4 settembre 2006, dopo aver concluso gli studi. Il giorno dopo il nostro matrimonio, i miei genitori e fratelli si trasferirono negli Stati Uniti.

I miei genitori erano in lacrime il giorno della partenza. In un primo momento dissi loro che li avrei raggiunti.

Volevo che si sentissero felici durante il viaggio, ma non avevo intenzione di seguirli almeno per il momento.

Sono tornata a lavorare come reporter a Karen e mio marito ha lavorato come traduttore per un editore. Abbiamo continuato a vivere fuori dal campo profughi e non volevo proprio spostarmi negli Stati Uniti. Ci sono voluti cinque anni per decidere di unirmi alla mia famiglia.

Che cosa è cambiato? Ho avuto il nostro primo figlio. Da quando sono rimasta incinta di lei, abbiamo provato molti modi e abbiamo speso molti soldi per ricevere un documento di identità nazionale tailandese. Volevamo che fosse una cittadina tailandese. Ma non è andata come avevamo pianificato e voluto.

Abbiamo pensato al futuro di nostra figlia e della nostra famiglia. Non volevamo più vivere come apolidi. Non volevamo che i nostri figli passassero ciò che abbiamo passato noi, senza identità nazionale e pieni di incertezze sul futuro.

Quando ho visto per la prima volta gli occhi luminosi di mia figlia, ho pregato per lei e ho deciso di tornare al campo profughi. Da lì potevamo richiedere il trasferimento negli Stati Uniti.

Presto abbiamo riscontrato un nuovo problema. Nostra figlia non aveva il Documento di registrazione per i rifugiati, rilasciato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), perché non era nata nel campo. Avevamo ricevuto i nostri documenti al nostro arrivo, ma l’ufficio dell’UNHCR nel mio campo non ne avrebbe concesso uno a mia figlia. È l’unico documento che può consentire l’ingresso negli Stati Uniti e in altri paesi per il reinsediamento.

Non abbiamo rinunciato a pregare. Discutemmo e decidemmo di provare al campo profughi di mio marito. Forse lì sarebbero stati meno severi. Dio ha risposto alla nostra preghiera. I dirigenti del campo profughi ci hanno aiutato, così nostra figlia ha ottenuto la sua scheda di registrazione UNHCR con mio marito. Ciò significava che avrebbe potuto reinsediarsi con lui, ma io sarei dovuta tornare al mio campo. Ci separammo.

Mi mancavano così tanto. Ho trascorso il mio tempo aiutando a insegnare nella scuola del campo. Mi sono impegnata il più possibile per scaricare lo stress. Ci siamo riuniti di nuovo dopo otto mesi, a Bangkok, in Thailandia. All’inizio mia figlia non voleva stare con me. Ero come una sconosciuta per lei. Voleva solo suo padre. Ci sono voluti alcuni mesi per tornare ad un sano rapporto madre-figlia.

Dopo due anni, abbiamo avuto la possibilità di trasferirci e riunirci con i miei genitori e fratelli a Logansport, Indiana, l’11 dicembre 2013.

All’inizio mi prendevo cura di mia figlia quando mio marito andava a lavorare. Quando lui tornava a casa, io andavo a lezione di inglese. Non capivo una parola ma dopo due anni e mezzo di studio presso The Adult Learning Center ho ottenuto un diploma di equivalenza di scuola superiore (HSE). Successivamente, ho continuato i miei studi all’Ivy Tech Community College e prenderò la laurea questo dicembre.

Mio marito ora frequenta l’Università dell’Indiana Kokomo e mia figlia è in seconda elementare in un corso di bi- lingue. Abbiamo anche un figlio di un anno. Quest’anno è stato il nostro quinto anno a Logansport. Ci sentiamo così grati di essere in America. Le opportunità educative qui sono infinite. Voglio diventare una scrittrice e, se possibile, essere un avvocato per i rifugiati, perché sono sopravvissuta alla guerra.

Quando ero nella giungla e lottavo per la mia vita, sentivo che sarei stata al sicuro. Ho sentito che qualcuno che non conoscevo stava pregando per me.

Qualcuno sta lottando per la propria vita proprio ora in Birmania, o in un altro paese lacerato dalla guerra. Per favore, prega per lui, per lei, per i bambini, per gli anziani e per una donna che potrebbe essere incinta. La tua preghiera è molto importante. Come dice la Scrittura in Matteo 7:7: “Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto

Sunday Htoo è una rifugiata dalla Birmania (Myanmar) e attuale studente dell’Istituto Tech Ivy Tech Community. È assistente didattica presso il Centro di apprendimento per adulti della Logansport Community School Corporation.

 

 

 

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box