ERO UN FERVENTE EVANGELISTA PER L’ISLAM. ORA STO VIVENDO IL LIBRO DEGLI ATTI

ERO UN FERVENTE EVANGELISTA PER L’ISLAM. ORA STO VIVENDO IL LIBRO DEGLI ATTI

(Parte 1-6)

Immagine: Illustrazione di Rick Szuecs / Immagine fonte: Tanner Ross / Carolyn V / Unsplash / Bisualphoto / Envato

Sono cresciuto in una famiglia musulmana sulla costa del Kenya. Mio padre era un imam e io ero uno dei muezzin (musulmani che chiamano gli altri a pregare cinque volte al giorno) in una moschea locale.

L’unica scuola che abbia mai frequentato è era quella per istruire i giovani sulle vie dell’Islam e per aiutarli a crescere come musulmani.

Sono stato addestrato a difendere la fede musulmana e a condividerla con gli altri.

Da giovane, sono diventato uno dei migliori e più noti evangelisti dell’Islam della mia regione.

All’inizio della mia vita, mio ​​padre mi aveva insegnato a odiare i cristiani e persino a picchiarli se necessario. Sono stato addestrato a credere che i cristiani fossero allo stesso livello degli animali. Non ci era permesso associarci con loro in alcun modo.

Una trasformazione miracolosa

Nel 2009, la mia vita è cambiata per sempre. La giornata è iniziata come le altre: mi sono svegliato e sono andato alla moschea locale per iniziare a chiamare le persone a pregare.

Stavo per recitare l’adhan (chiamata musulmana alla preghiera) nel microfono in modo che la mia chiamata potesse essere ascoltata in tutta la città. Ma quando ho provato a parlare, non ho emesso alcun suono.

Uscendo dalla moschea, ho visto il mio amico Ali per strada e ho cercato di spiegargli cosa mi fosse successo, ma non mi ha creduto.

Siamo tornati alla moschea, dove mi sono avvicinato al microfono e ho tentato di chiamare di nuovo l’adhan, ma ancora una volta la mia voce non è venuta fuori. Ali era sorpreso quanto me. Eravamo entrambi nervosi, ma si è assunto i miei compiti in modo che io potessi tornare a casa per il resto la giornata.

Quando sono tornato a casa, ho cercato di rilassarmi e calmarmi.

Il mio cuore era pesante e mi sentivo turbato. Sono andato in cucina, ho preso un thermos e ho iniziato a preparare il tè caldo. Ho versato il tè in una tazza e stavo per iniziare a bere quando ho visto che il tè era diventato rosso, un rosso scuro che sembrava sangue. Ho lasciato il tè sul bancone e ho fatto una passeggiata, sperando di schiarirmi le idee dopo una giornata piena di eventi apparentemente folli.

Durante la mia passeggiata, sono arrivato in un mercato dove una grande folla si era raccolta intorno al retro di un camioncino.

Avvicinandomi abbastanza da sentire e vedere cosa stava succedendo, ascoltai mentre predicava un missionario cristiano. Era chiaramente un keniota, proprio come me, e non uno che era venuto qui dal mondo occidentale. Ero scettico e mi tenevo a distanza, ma ascoltavo quello che diceva.

Dopo che l’uomo ebbe finito di predicare, mi sentii obbligato ad avvicinarmi a lui. Poiché ero conosciuto molto bene in quella zona, i pastori che erano con lui (erano anche kenioti) inizialmente mi hanno impedito di farmi avanti, ma il missionario mi ha permesso di parlare con lui.

Ha condiviso il Vangelo con me, e in quel momento tutto sembrava diverso.

Ho visto tutto quello che era successo durante quel giorno sotto una nuova luce.

Sapevo che Dio era quello che non aveva permesso alla mia voce di uscire; è stato Lui che ha fatto diventare il mio tè rosso sangue, come simbolo del sangue di Cristo versato sulla croce per me.

Lo Spirito Santo ha cambiato il mio cuore e ho dato la mia vita a Gesù.

Il missionario mi ha detto di andare a raccontare alla mia famiglia quello che era successo, e ho fatto come aveva chiesto, anche se sapevo che a mio padre non sarebbe piaciuto.

Sicuramente, ha visto la mia conversione come un abbandono dell’Islam e un atto di tradimento personale.

Ha chiamato mio zio, un leader rispettato nella comunità musulmana, per chiedere consigli su come gestire questa crisi. Mio zio ha raccomandato di farmi scomunicare. Ma mio padre non aveva voglia di mezze misure: mi voleva morto. Mi ha ordinato di uscire subito di casa e non mi è stato concesso nemmeno un momento per raccogliere le mie cose.

Appena mio padre uscì di casa, ne approfittai e tornai e vidi mia sorella. Mi riferì che mio padre aveva bruciato tutti i miei averi dietro casa nostra. In quel momento stava lavando i vestiti e me ne diede uno da portare con me.

Quella notte fuggì, rimanendo fuori su una panchina del parco. Era una notte fredda e presi in considerazione l’idea di tornare da mio padre e scusarmi.

Ma mentre pregavo, ho trovato nuova forza in Gesù Cristo. Il giorno dopo ho iniziato subito a condividere la mia testimonianza, spiegando ciò che Gesù aveva fatto per me e come anche gli altri avrebbero potuto riceverlo.

Trovai il missionario che aveva condiviso il Vangelo con me, pensando che sarei rimasto la notte con lui e con i suoi colleghi pastori prima di partire la mattina successiva. Ma presto abbiamo saputo che mio padre aveva mandato delle persone a cercarmi, persone che mi avrebbero ucciso se mi avessero trovato.

Così quella notte, intorno alle 3 del mattino, il gruppo di missionari mi ha scortato fuori dalla mia città natale .

Mi hanno portato in una città a otto ore di distanza. Un membro di lunga data di una chiesa locale si interessò a me e iniziò a discepolarmi.

Un altro membro mi ha persino permesso di rimanere a casa sua poiché non avevo un posto dove vivere.

Più mi stabilivo in questo strano posto nuovo, più sentivo una chiamata al ministero. Ho iniziato a condividere il Vangelo con le persone smarrite della zona, radunando un gruppo di circa 10 persone nella zona per discepolare come ero stato discepolo.

Speravo di frequentare una scuola biblica, in modo da poter diventare un predicatore e un insegnante del Vangelo migliore, ma non avevo i soldi per pagarlo.

Così ho iniziato a viaggiare e visitare diverse chiese e congregazioni, dove ho avuto l’opportunità di predicare, insegnare e condividere la storia della mia conversione.

Eppure il pericolo continuava a perseguitarmi.

Dopo aver visitato una chiesa della regione per cinque giorni, predicando e condividendo il Vangelo, ho saputo che alcuni uomini erano venuti lì a cercarmi.

Erano stati inviati dai miei genitori. Nella moschea dove sono cresciuto, era stato messo un annuncio: ero ricercato, vivo o morto.

close
I commenti sono chiusi.
Se sei interessato ad un articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Lo Staff Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box