IL PRIMO MINISTRO INGLESE SI IMPEGNA A SOSTENERE LE LIBERTÀ RELIGIOSE

IL PRIMO MINISTRO INGLESE SI IMPEGNA A SOSTENERE LE LIBERTÀ RELIGIOSE

Boris Johnson afferma che il Regno Unito farà “tutto il possibile” per difendere le libertà religiose, promettendo di usare l’influenza internazionale per garantire “che tutti, ovunque, possano godere di queste libertà”.

Il Primo Ministro ha sottolineato il sostegno del Regno Unito alla libertà di religione o di credo mentre Lord Tariq Ahmad di Wimbledon, inviato speciale per la libertà di religione o di credo, ha incontrato oggi controparti internazionali presso le Nazioni Unite a New York.

Una dichiarazione di Johnson afferma che il Regno Unito attuerà le raccomandazioni formulate dal vescovo di Truro sulla protezione delle persone dalle persecuzioni religiose e userà “l’influenza globale” del Regno Unito per aiutare le persone che affrontano gli stessi problemi in altre parti del mondo.

Johnson ha dichiarato: “La libertà di religione o di credo è al centro di ciò che il Regno Unito rappresenta.

“Faremo tutto il possibile per difendere queste libertà e proteggere i civili nei conflitti armati, inclusi religiosi, etnici o altre minoranze.”

“Siamo determinati a utilizzare gli strumenti della diplomazia britannica in questa causa, incluso il nostro seggio permanente nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.”

“Alla luce delle crescenti prove che i cristiani subiscono la persecuzione più diffusa, abbiamo chiesto al vescovo anglicano di Truro di effettuare una revisione indipendente per garantire che il nostro lavoro in quest’area corrispondesse alla portata del problema.”

“Abbiamo accettato, e attueremo, tutte le impegnative raccomandazioni della Revisione.”

“Utilizzeremo la portata globale del Regno Unito e finanzieremo i programmi per migliorare la vita delle persone perseguitate. Oggi stiamo aprendo un bando di gara su come portare avanti”.

Lord Ahmad ha dichiarato: “Coloro che appartengono a minoranze religiose devono affrontare una serie di sfide, da conflitti armati, omicidi di massa e aggressioni violente alla discriminazione quotidiana”.

“Gli attacchi atroci quest’anno sui luoghi di culto dalle Filippine al Burkino Faso, dalla Nuova Zelanda allo Sri Lanka, ci hanno ricordato a tutti che il diritto umano fondamentale alla libertà di religione o di credo è sempre più minacciato”.

“Oggi, mentre commemoriamo le vittime di tali atti di violenza, dimostriamo il nostro impegno nel sostenere la ricerca per cambiare la vita delle persone e aiutare a costruire un mondo libero dall’intolleranza e dall’odio religiosi”.

 

Tratto da: premier.org.uk
I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box