SONO PASSATO DAL COMBATTERE IN UNA GABBIA AL VIVERE IN UNA CAPANNA

SONO PASSATO DAL COMBATTERE IN UNA GABBIA AL VIVERE IN UNA CAPANNA

Immagine: Willie Petersen

(Parte 1 -4)

Come un combattente di MMA ha trovato Gesù e scoperto la sua vocazione in Congo.

Crescendo, sono stato vittima di bullismo. Forse è perché ero paffuto e avevo i brufoli in faccia, forse perché ero troppo gentile e ho lasciato che gli altri bambini mi mettessero i pedi in testa, ma tutto ciò a 13 anni mi ha portato ad una profonda depressione e a pensieri suicidi.

I miei genitori hanno fatto tutto il possibile per aiutarmi a migliorare la mia autostima. Mi hanno incoraggiato a impegnarmi nell’atletica leggera. Ed è quello che mi ha spinto nella traiettoria del combattimento professionale in gabbia.

Ho adorato il wrestling dal momento in cui sono salito sul tappeto la prima volta.

Mi ha distratto dalle altre mie lotte. Non ho iniziato come un grande lottatore.

In effetti, non ero un fuoriclasse, ma un allenatore ha visto qualcosa in me e non si è mai arreso. Alla fine sono diventato uno dei migliori e ho vinto numerosi campionati statali e nazionali.

Dopo la laurea, mi sono trasferito al Centro di allenamento olimpico per perseguire il mio sogno di lottare alle Olimpiadi. In una partita con un campione del mondo, sono finito in una brutta posizione. Piuttosto che dargli il punto, lasciai che mi strattonasse contro il tappeto, torcendo il braccio nel modo sbagliato: si spezzò come un ramoscello.

Avevo un dolore terribile dal collo fino alla mano. Il mio gomito era rotto e slogato. Avevo il legamento collaterale ulnare lacerato e un danno ai nervi.

La mia compagnia assicurativa non volle pagare per il mio intervento chirurgico.

Nel frattempo, prendevo antidolorifici che mi hanno creato subito dipendenza.

Le droghe hanno attenuato non solo il mio dolore fisico, ma anche il dolore emotivo e la depressione che mi avevano tormentato dalla scuola elementare. Consumavo un mese di fornitura in una settimana. Alla fine, avevo tre dottori, in tre diversi stati, che mi prescrivevano narcotici a rotazione; nessuno di loro sapeva degli altri .

Dipendenze alle stelle

La mia carriera di wrestling era nel limbo, ma la spinta a combattere era sempre lì. Quando un mio amico è rimasto ferito, ho preso il suo posto in un combattimento di arti marziali miste (MMA). I lottatori si esibiscono spesso bene in MMA e non ho fatto eccezione.

Man mano che la mia popolarità nella comunità MMA cresceva, venivo risucchiato dallo stile di vita dei combattimenti, che può essere pericoloso.

I fan volevano che firmassi autografi e scattassi foto. E tutti volevano sempre fare festa. La mia carriera saliva alle stelle così come le mie dipendenze. In poco tempo, avevo aggiunto cocaina e alcol alla mia dipendenza da stupefacenti già fuori controllo.

La mia partecipazione a un reality “The Ultimate Fighter” ha fatto da trampolino di lancio per la mia carriera e in breve tempo ho ottenuto un contratto con l’Ultimate Fighting Championship (UFC).

Ero il più giovane dei pesi massimi ai massimi livelli. Dividevo il mio tempo tra combattimenti, allenamento e droghe. Ad oggi, mi mancano ricordi di intere settimane a causa degli abusi di droga.

La mia vita ha toccato il fondo quando sono stato espulso da una delle migliori squadre di combattimento del mondo per l’uso di droghe.

Il mio sogno d’infanzia si era trasformato in un incubo vivente. Ma quando tutti gli altri mi avevano ormai considerato irrecuperabile lasciandomi solo, un amico, Jeff, rifiutò di andarsene.

Mi chiamava più volte al giorno e alla fine mi invitò a un ritiro per uomini cristiani. Promise di allenarsi con me la mattina, purché partecipassi alle sessioni nel pomeriggio. Mi aspettavo un sacco di “momenti kumbaya” attorno a un falò, invece gli uomini erano onesti e sinceri riguardo alle loro lotte e avevano una pace che invidiavo.

Dopo alcuni giorni al ritiro, sapevo di aver bisogno di ciò che avevano loro e ho pregato:

Dio, sono un drogato e un alcolizzato. Sono un bugiardo e un imbroglione. Sono molte cose che avrei voluto essere e sono tutto ciò che non avrei mai voluto essere. Dio, ho ferito tutti. Non voglio più fare del male a nessuno. Non voglio ferire. Ho un disperato bisogno di te nella mia vita.

Mentre pregavo, ho sentito Dio sollevarmi. Ero libero.

Tutte le catene emotive della depressione, tutta la schiavitù, si sono subito spezzate e sono cadute. Allo stesso tempo, ho sentito le braccia di Dio che mi avvolgevano, come un padre abbraccia i suoi figli.

Immediatamente, le cose hanno iniziato a cambiare.

Ho gettato il resto delle mie droghe nel fuoco. È straordinario, perché così tante persone decidono di smettere di drogarsi solo per ricadere in vecchie abitudini, ma Dio mi ha tolto il desiderio e non ho mai voluto tornare alla vita che avevo prima.

La visione

Dopo che Gesù mi ha aiutato a superare la mia depressione e dipendenza, i miei sogni per la mia vita sono cambiati.

Volevo più della fama di MMA; volevo servire Dio come potevo.

Ho iniziato a fare volontariato nelle missioni e nelle prigioni locali, condividendo la mia storia con chiunque volesse ascoltarmi.

Sapevo anche che avevo bisogno di una pausa dall’MMA. Anche se amavo ancora questo sport, le tentazioni erano troppo grandi.

Ma a parte combattere, non sapevo cosa fare della mia vita. Nella disperazione, ho pregato:

Dio, sono tuo. C’è qualcosa che vuoi che io faccia? Desidero fare la tua volontà, non la mia.

Fu allora che una strana visione mi inondò. Mi sono visto nella giungla. Tra il rumore bianco della foresta, sentì il suono di una musica vivace. Mentre entravo in una radura, vidi 150 persone che vivevano in un gruppo di capanne fatte di ramoscelli e foglie.

Feci un passo avanti e la visione cambiò. Sono stato bombardato da immagini veloci di bambini malnutriti e di vecchi affamati.

Ho visto un uomo morire per una malattia che lo divorava vivo. Per qualche motivo, sentivo che queste persone erano oppresse ed emarginate.

Ho iniziato a piangere in modo così incontrollabile che ho lasciato una pozza di lacrime sulla mia Bibbia. Mi chiedevo se fossi pazzo, ma sapevo che non avrei potuto immaginare quello che avevo appena visto da solo.

Non sapevo chi fossero queste persone, ma sapevo che dovevo aiutarle.

Passando all’improvviso a Isaia 58, i miei occhi si fissarono sui versetti 6–12, sul cuore di Dio per i poveri e gli oppressi. Questi versetti hanno acceso un incendio nel mio cuore.

Ho condiviso la mia visione con il mio mentore, Caleb, che ha immediatamente capito che stavo descrivendo una tribù Mbuti (o pigmei) in Congo.

Mi ha detto che avrebbe guidato un gruppo lì tra un mese con il suo ministero di missioni ad alto rischio, “Soldati Eccezionali”, e mi ha incoraggiato ad andare con lui.

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box