PORTE APERTE INDIA: “NON RINUNCIARE MAI ALLA FEDE IN GESÙ!”

PORTE APERTE INDIA: “NON RINUNCIARE MAI ALLA FEDE IN GESÙ!”

NELLA FOTO: Bindu insieme a uno dei suoi figli (volti coperti per motivi di sicurezza)

Non rinunciare mai alla fede in Gesù!” sono state le ultime parole che Kande Munda, un cristiano indiano, ha detto a sua moglie prima di essere assassinato a causa della fede in Gesù, lo scorso 7 giugno.

Mentre la sua famiglia stava cenando, una folla si è raccolta davanti alla loro casa intimando all’uomo di uscire. Kande era cosciente del fatto che la sua vita fosse in pericolo e che quelle persone avessero cattive intenzioni.Mi ha detto di essere forte e di non rinunciare mai alla fede in Gesù, nemmeno se lo avessero ucciso, ci ha detto sua moglie Bindu.

E così è stato. Ora lei e i suoi 2 figli sono costretti a nascondersi.

Alcune persone coinvolte nell’omicidio hanno contattato la famiglia di Bindu garantendole sicurezza, nel tentativo di farla rientrare al villaggio, ma è probabile che la vera intenzione sia quella di uccidere anche lei e i suoi figli.

Dopo il funerale di Kande, il padre ha incoraggiato la vedova ad abbandonare la fede per assicurarsi la sopravvivenza, ma lei ha risposto: “Io vivrò per Gesù e morirò per Gesù, non tornerò mai indietro”.

Kande Munda lavorava come muratore. Lui e sua moglie sono stati ripetutamente perseguitati a causa della fede, anche dai loro stessi familiari.

La comunità locale ha chiesto loro ingenti somme di denaro e nel 2018 la suocera non cristiana dell’uomo ha subito delle violenze che avevano l’obiettivo di scoraggiare la famiglia dal continuare a seguire Gesù.

Kande e Bindu hanno vissuto sotto costanti pressioni per 2 anni prima di decidere di andarsene dal villaggio per tutelare la propria sicurezza.

Il 7 giugno 2020 Bindu e i suoi figli sono scappati velocemente dal retro della casa mentre Kande è stato preso, portato in un luogo isolato lontano dal villaggio e picchiato brutalmente fino alla morte.

Persino i suoi stessi fratelli sono coinvolti nell’omicidio. Il corpo privo di vita è stato ritrovato il mattino seguente, ma nessuno ha denunciato l’accaduto alla polizia.

Solo Bindu si è presentata alle autorità che però non sono intervenute, archiviando il caso come “controversia nella gestione delle proprietà” e lasciando impuniti i colpevoli.

La morte di Kande è avvenuta nel mezzo della crisi Covid-19, che colpisce in modo particolare i cristiani indiani, già spesso discriminati ed esclusi dalla distribuzione degli aiuti.

Porte Aperte Italia

PROVVEDI CONFORTO E AIUTO PRATICO
PER MEZZO DI UNA SQUADRA DI VOLONTARI DI RISPOSTA RAPIDA

Nei contesti di persecuzione un cristiano può trovarsi solo di fronte a una folla che lo aggredisce, gli brucia la casa e, nella migliore delle ipotesi, lo allontana forzatamente dal villaggio. Accade anche che, in caso catastrofi naturali come inondazioni e terremoti i cristiani, a motivo della loro fede, rimangano isolati o subiscano discriminazioni nella distribuzione degli aiuti.

Le nostre squadre di volontari rispondono rapidamente, soccorrendo fratelli e sorelle in simili circostanze. Sono parte della nostra famiglia di fede, non lasciamoli soli!

Con 70 euro puoi equipaggiare una squadra di volontari di risposta rapida per portare conforto e supporto pratico ai perseguitati.

I commenti sono chiusi
Se sei interessato all’articolo controlla che non ci sia il PDF a fine pagina, se no contattaci. Grazie

 

RESTA AGGIORNATO REGISTRATI ALLA NEWSLETTER

Holler Box